Perché rifiutare il vaccino anti covid? E quella promozione a Giorgio Palù? Mah…

A cura di Andrea Pilati

Prima che finisse il primo periodo epidemiologico si vociferava della ricerca di un vaccino efficace contro questa patologia chiamata “covid-19”. Una notizia decisamente fuori dagli schemi è stata la dichiarazione della Università di Oxford, dove avveniva la ricerca del vaccino, che affermava di non riuscire più a trovare in giro tracce del virus, sufficienti per la ricerca.

Poi questa notizia è stata messa nei cassetti del dimenticatoio.

Quindi è arrivata l’estate, che abbiamo passato quasi tranquillizzati dal fatto che questo virus non avrebbe più creato molti danni; ma, sotto la cenere la brace ardeva, e i giornali e tutto l’apparato mainstream erano pronti per presentarci la nuova terribile Seconda Ondata. E di nuovo si è ravvivato l’interesse per il salvifico vaccino, unica cura possibile, che i russi già avevano ma non ci si può fidare di loro, si sa.

Intanto un affermato virologo, del calibro del dottor Palù, dichiarava in televisione cose contrastanti tra loro:

Giorgio Palù, il virologo che ha chiarito la posizione di Andrea Crisanti
“giovani senza mascherina…” secondo Palù sono parte della causa Covid

da una parte adduceva il fatto che il test PCR, meglio conosciuto come tampone, era decisamente inaffidabile, mentre, dall’altro, caldeggiava l’uso delle mascherine anch’esse indispensabili per limitare il terribile contagio.

Dispositivo, questo, che chiunque, senza avere titolo in medicina, può comprendere quanto inutile sia per contenere una presunta epidemia di un presunto virus (qui lo studio scientifico che lo attesta → https://wwwnc.cdc.gov/eid/article/26/5/19-0994_article).
Ma come mai ora il virologo è stato promosso a presidente dell’AIFA? Sapete, quell’organo che deve approvare o meno i farmaci prodotti dal suo datore di lav… ops dalle case farmaceutiche? Mah, stranezze… Sarà che penso male, come sempre.

Poi è stata la volta della folgorante notizia del Suo avvento, il Vaccino. Astrazeneca dichiara di avere creato il primo, efficace in primo tempo al 62% per passare poi al 90% grazie a un “errore di dosaggio”; dopodiché Pfizer-BioNTech e Moderna rilanciano con il loro vaccino efficace oltre 95%… il resto è cosa nota, in questa gara a chi spara la percentuale più grossa. Sarà per fare rialzare le azioni dell’una e dell’altra in una gara alla roulette come al casinò?

Ma l’altro punto interessante sono le affermazioni di coloro che, fino a poco, prima erano alla ribalta in tutte le televisioni, a seminare il terrore nella popolazione sulla mortalità di questo virus. I vari Roberto Burioni o Andrea Crisanti (non li chiamo “dottori” per non offendere Ippocrate) hanno recentemente fatto marcia indietro su questo vaccino e sulla sua reale affidabilità, se non addirittura sui suoi possibili, e quanto mai probabili, effetti collaterali non ancora verificati.

«Finora io i dati non li ho visti, nemmeno i miei colleghi, quindi non mi vaccino»

Affermazione di Burioni ripresa all’interno di un articolo su https://www.iltempo.it

A questo punto molte persone, chiamate “negazionisti” hanno gioito a queste dichiarazioni come fossero un dietrofront, spinto forse dai rimorsi di coscienza di questi uomini di scienzah.

Burioni poi però si affretta a rettificare… (simpatico bricconcello ;^)

Mi preme ricordare che coloro che sono in cima alla piramide hanno già dichiarato che ci sarà, a inizio del prossimo anno, una Terza Ondata del medesimo, immutabile, immarcescibile virus. Ora, facendo un semplice ragionamento, mi viene da pensare che, se i ricercatori di cui sopra avessero invece caldeggiato l’uso del vaccino e loro stessi se lo so fossero fatto inoculare per primi, allora avrebbero ottenuto un maggior credito sulla popolazione che, a quel punto, si sarebbe messa tranquillamente in coda per farsi vaccinare, arrivando così alla soluzione di questo virulento male mondiale e alla fine di questo periodo infernale. E tutto sarebbe tornato alla normalità.

Articolo del 2 dicembre 2020 – Fonte: https://www.adnkronos.com/

Ma mi viene ancora da pensare: se fossi nei panni di quelli che sono al timone di questo Titanic, se ci fosse la soluzione, allora tutto avrebbe veramente fine. E, allora, i loro progetti avrebbero anch’essi fine… Come potrebbero arrivare al “grande reset” se, nella popolazione dei conti correnti, l’attenzione non fosse focalizzata su questa nuova ondata di inizio d’anno, capace di rovinare le feste natalizie e il tradizionale capodanno agli italiani, settimane bianche comprese? Non sarebbe più logico pensare che tutto questo faccia parte di un programma molto più definito e dettagliato del quale le marionette di cui sopra, accompagnate dai vari politici corrotti, venduti e criminali, fanno parte?

Parafrasando Giovanni Falcone: “Segui la pista del denaro e troverai la soluzione del problema”.

Ho già scritto in merito ai 1500 miliardi di paure depositati nelle varie casse bancarie italiane. Se mettiamo insieme tutti i pezzi di questo puzzle potremmo verificare quanto bene si incastrino l’uno con l’altro: un virus creato in forma mediatica, la quarantena imposta per esautorare qualsiasi Costituzione (come già richiesto nel 2016 da JP Morgan), l’accettazione di qualsiasi forma di contenimento sociale forzato e la privazione di ogni proprietà privata, a cominciare dal denaro.

Ma, forse, i più attenti sapranno che questo avviene già attraverso l’articolo 1834 del codice civile italiano che consiglio ti andare a leggere. Non possiamo non comprendere come i veri governanti facciano tutto molto chiaramente e alla luce del sole, ed è proprio questo il loro astuto gioco. Talmente chiaro che è quasi incredibile crederci.

Alla fine solo i fatti diranno se quello che ho scritto finora si verificherà oppure no e, se tutto il ragionamento fatto fino adesso, ha una sua logica; se così fosse saremo in presenza di un macabro gioco, di un male talmente profondo che potremmo risolvere solamente se lo riconosciamo dentro ognuno di noi. L’unico posto in cui risiede la chiave per la soluzione di tutti i mali, la creazione del bene e la parola “fine” a tutto questo malefico gioco al, in fondo, abbiamo voluto noi giocare prima di atterrare su questo piano di esistenza. Buon viaggio, allora, e auguri a tutti noi di riuscire a salire sull’Arca e a salpare prima che arrivi il Diluvio.

Scarica, Stampa, Leggi, Sposa e fai tuo l’Appello Alla Dignità

Appello alla Dignità
blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...