Soros, mon amour. Intrighi, intrallazzi, collusioni di un uomo “buono”, a fare affari

Nella piramide del potere Nero, che in parte ancora governa nel pianeta, sappiamo che vi è la Mente e vi sono le braccia, poi viene la manovalanza e quindi i sudditi. Soros fa parte del braccio, armato di denaro. Gliene stampano quanto ne serve per le sue speculazioni, per indebitare e sovvenzionare, per ricattare e speculare.

Le sue opere “filantropiche” si dipanano nelle varie ramificazioni che raggiungono svariate società. La sua fondazione, la Open Society Foundation, ha interessi decisamente sospetti con le ONG che solcano il Mediterraneo per trarre in salvo i “migranti” partiti dalla Libia e portarli nel porto più vicino, in Italia, chiaramente.

Tweet femen - Soros.png
Soros non le finanzia più…

Altro interesse di Soros è il corpo femminile; no, niente porno soft. Parliamo delle “Femen”, il movimento nato per protestare in maniera scioccante che utilizza ragazze di bell’aspetto con scritte provocatorie sul petto nudo. Anche d’inverno poverette; cosa non si fa per la causa.

 

Il movimento nato nel 2008 si è ufficialmente sciolto nel 2015.

Soros è famoso per le sue opere speculative poste sul lato diametralmente opposto alla filantropia. Nel 1992, con un’azione speculativa, riuscì a fare svalutare la sterlina e la lira guadagnando così in un sol giorno 1,1 miliardi di dollari. Ma cosa significa? La lira da quel giorno perse il 30% del suo valore e siccome ogni merce che produciamo ha un prezzo, da quel giorno in poi per comprare la stessa merce all’estero si doveva spendere il 30% in più di prima a parità di quantità di moneta posseduta. In termini sociali questa azione ha portato a pesanti perdite economiche visto che per chi riceve qualcun altro dà.

Soros è stato anche chiamato a parlare al Parlamento europeo (leggasi “dare ordini”) a giugno di quest’anno dove ha avvisato sulla pressante preoccupazione sulla Brexit e una possibile crisi finanziaria pari a quella del 2008. I soliti avvertimenti…

Soros e Gentiloni.jpgLa solita collusione con i governi, anche quelli non eletti, Soros l’ha anche in Italia; cosa si siano detti lui e Gentiloni non ci è dato a sapere. Sapete, sono cose private. Private della libertà di informazione essendo l’Italia oltre il 70° posto nel mondo in questo contesto.

Macron e finanziamentiMa Soros non si è limitato a conferire con il Conte nostrano ma si è rivolta anche in Francia, e ha finanziato campagna elettorale del neo presidente Macron; il quale, con sicuramente molta riluttanza, gliel’ha concesso.

Altri premier però non dichiarano simpatia per l’oligarca speculatore e si meritano l’appellativo di dittatori o antieuropeisti. È il caso di Victor Orban, premier ungherese inviso a Soros per il fatto che non si sottomette ai suoi “consigli” ma dichiara apertamente la sua repulsione a tale soggetto.

Traggo dal blog di Giampaolo Rossi per Il giornale.it:

ORBAN VS SOROS
orban_soros.jpgLo scontro tra il governo ungherese e il finanziere (proprio di origini ungheresi) avviene ormai da tempo. Soros è apertamente accusato da Orbán di provare a destabilizzare l’Ungheria attraverso l’azione delle sue organizzazioni civili attive nel Paese.
Già nel Luglio del 2014, nel suo discorso davanti agli studenti della Summer University di Balvanyos, Orbán aveva attaccato la doppiezza delle Organizzazioni civili operanti in Ungheria: si tratta di attivisti politici pagati da specifici gruppi di interesse stranieri; perc è difficile credere che queste organizzazioni abbiano scopi sociali, è molto più realistico che vogliano utilizzare questi strumenti per influenzare la vita politica ungherese. Queste non sono organizzazioni non governative che si oppongono a noi ma attivisti politici pagati che tentano di far valere interessi stranieri in Ungheria”.

continua sul sito della fonte

Gli altri interessi di Soros sono rivolti nella manipolazione in ambito sociale perché sa benissimo che la politica è formata principalmente dalle opinioni del pubblico, la stessa utilizzata da Ponzio Pilato quando chiese: “Chi volete libero, Gesù o Barabba?”.

Ed eccolo caldeggiare i movimenti contro la famiglia. Lui sa benissimo che per dominare uno Stato occorre minarne le fondamenta. E la famiglia è il micro Stato per antonomasia; vediamo applicata l’agenda distruttiva in Italia con la legge sulle vaccinazioni obbligatorie.

A seguire un estratto del report riguardo gli interessi del filantropo a favore di LGBT e aborto tratto da La nuova bussola quotidiana:

LGBT

In Italia, l’Arcigay ha ricevuto ben 99.690 dollari per un progetto durato dal dicembre del 2013 al dicembre del 2014, sempre l’anno delle elezioni. Il titolo del progetto era “LGBT Mob-Watch Italy-Europe 2014”, e aveva quale obiettivo: “smuovere, canalizzare ed ampliare la voce e la domanda del popolo LGBT italiano ed i loro alleati per le elezioni europee del 2014, costruendo uno strumento permanente di monitoraggio, campagna, mobilitazione e lobbying per queste e le prossime elezioni”. Negare che esista una “lobby gay” d’ora in avanti non sarà più possibile. Chiaramente il programma di Soros non si limita alla sola Italia, ma va a beneficiare anche la Ilga Europa (68.000 dollari ricevuti) per il progetto “European elections 2014: Cross-communities mobilization project for a universal and indivisible EU equality agenda”. In Grecia, l’organizzazione “Athens Pride” ha ricevuto 26.000 dollari per il progetto “Vote for your rights” volto a promuovere la comunità LGBTQ greca sempre in vista del voto europeo. Il grosso dello sforzo per promuovere i “nuovi diritti” è ovviamente negli Usa, dove Soros ha elargito nel 2013 altri 100.000 dollari alla Gay Straight Alliance, la stessa organizzazione che ha promosso l’ormai celebre “guerra dei bagni pubblici” nella North Carolina. L’anno successivo, Soros ha elargito una somma ingente, mezzo milione di dollari, a Justice at Stake, un’associazione che promuove la “difesa della diversità” nei tribunali. Perché “una maggior diversità negli uffici dei giudici migliora la qualità della giustizia per tutti i cittadini”. Cosa vorrà dire? Sarà possibile intuirlo dopo le prime sentenze sulla diversità e sulla libertà di religione.

Vita

Ovviamente, assieme all’impegno per la comunità Lgbt non poteva mancare anche la campagna per l’aborto. La Open Society si è impegnata a promuoverlo in Irlanda e l’anno scorso si preparava a festeggiare la vittoria…

continua sul sito della fonte

E per finire torniamo a casa nostra; mi arriva da un amico una comunicazione a riguardo di un nuovo movimento che si propone di agire contro la corruzione per fare ripartire l’Italia sotto la veste di una nuova cultura sociale per una crescita ed un rilancio che ci tolga le zavorre e farci ripartire.

Il movimento si chiama “Riparte il futuro” e il suo programma lo trovate qui: https://www.riparteilfuturo.it/chi-siamo

Invito a scorrere la pagina ed andare in fondo per leggere da chi sono sostenuti, trarre le dovute conclusioni e prendere le consapevoli decisioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...