Sui vaccini c’è ancora qualcosa da dire

Riportiamo i commenti estrapolati dal blog di Gioia Locati e che possono fornire ulteriori informazioni riguardo i crimini contro la salute perpetrati soprattutto a danno di bambini nei primi anni di vita.

Ma prima di passare ai commenti scritti consigliamo di ascoltare quello che ha da dire il Dott. Montanari sulla meningite:


Com’è organizzato il Sistema

Tutti gli organi di informazione che seguono le direttive, circa il 90%, sono nient’altro che l’amplificatore delle urla di agonia di governanti occulti senza scrupoli che hanno il fine di fare il loro dovere; lavorare per il Male, e lo fanno con determinazione (e a questo loro atteggiamento va dato loro merito). Quale il fine di tanto scalpore se solo il 7% di popolazione decide di non vaccinarsi? È chiaramente solo questione di numeri perché è così che ci vedono. Risulta inoltre chiaro che i loro piani di sottomissione danno provati segni di cedimento sempre più frequenti e in ogni ambito e questo li spaventa per il fatto che la loro barca fa acqua da tutte le parti e non riescono a chiudere una falla che subito se ne aprono altre due o tre. Merito della cresciuta volontà delle persone nel diventare individui e che per ciò si informano in modo alternativo. Questo il motivo della recente censura messa in atto (https://traterraecielo.live/20…. È logico che il veicolo principe per rendere intontite le persone è la”cura” medicale preventiva chiamata vaccino per via della sua disponibilità su vastissima scala dato che ogni nascituro è già ospedalizzato come qualsiasi malato fin dalla nascita. Di fatto, se così non fosse, c’è da chiedersi a cosa servono conservanti come il Timerosal a base mercurio che ha la simpatica caratteristica di essere neurodegenerativo il cui documentario ripreso dall’università di Calgary l’ho inserito in questo articolo: https://traterraecielo.live/20…
Oppure c’è da chiedersi il perché vengano inserite particelle di metalli pesanti ritrovate in tutti i i vaccini presi in esame dal Dott. Monatanari e responsabili di casi di autismo, curati, per altro con successo, dal recentemente scomparso Dott. Tinus Smits con l’omeopatia (altra branca malvista dalla medicina ufficiale, responsabile di curare troppo).
Le tessere del puzzle rivelano che tutte questi sistemi chiamati “di cura e prevenzione” altro non fanno che inibire il funzionamento delle nostre ghiandole endocrine che permettono una evoluzione di coscienze come mai prima. A questo serve per esempio il fluoro inserito appositamente nelle acque minerali dedicate, di nuovo, ai bambini; vedi la “fluoride” l’acqua fluorata della Dannon (http://www.waterindustry.org/W… il cui elemento chimico, principio attivo dei topicidi, arriva a inibire il funzionamento della ghiandola pineale ricoprendola di una patina che la calcifica.
Bene, tutto questo è, per mio conto, una buona notizia poiché porta molte persone a fare scelte dettate dalla propria coscienza per cui nascono comitati informativi come il Comilva, oppure abbiamo sindaci intelligenti come Loris Mazzorato del Comune di Resana che si oppone ai vaccini, oppure abbiamo genitori che si organizzano con la home schooling alla faccia delle Istituzioni che li vogliono ghettizzare, ecc.
Nonostante tutto è un bel periodo ;^)


Il passato ritorna, identico, in altre forme

Antico manoscritto o recente manufatto? poco importa…
“Buongiorno,
il mio nome è Mirta Luce, il cognome non ha alcuna importanza. Sono nata in quello che Voi chiamate ‘XVI secolo’. Da mia Madre e da mia Nonna ho imparato l’arte di riconoscere le malattie e di curarle: talvolta, basta una preghiera detta con fede, talvolta servono erbe, impiastri, decotti e infusi, talvolta – purtroppo – nulla di tutto questo serve, e il malato muore.
Sono sempre stata una bambina diversa dalle altre: fin da piccola, pur non avendo frequentato la scuola, ho imparato il latino delle preghiere recitate in chiesa e ho cercato di placare la mia sete di sapere interrogando gli Anziani e il vecchio Prete del mio paesello.
Crescendo, mi sono resa conto che gli uomini non mi interessavano: le mie coetanee si agghindavano per i balli e le feste, ma io preferivo trascorrere il mio tempo nei campi o nei boschi, raccogliendo piante, gemme e foglie… tutti i Doni di Madre Natura che usavo poi per curare esseri umani e animali.
Adolescente con mille dubbi, ho capito che la mia scelta doveva essere totale: la mia ‘famiglia’ erano tutti coloro che avevano bisogno di me. Un marito e dei figli sarebbero stati d’intralcio.
Non ho mai conosciuto mio Padre, rubatomi da una malattia che nè Mamma nè Nonna furono in grado di curare, ma Angelo, mio fratello maggiore nonchè ‘capofamiglia’, non mi ostacolò: quando vari pretendenti chiesero la mia mano, mi negò a tutti, spiegando che io preferivo la solitudine.
Pochi gli credettero, ma quasi tutti si rassegnarono e cercarono altrove la compagna della loro vita. Quasi tutti. Già, Guglielmo del molino, pur avendo preso moglie, non si rassegnò affatto e, anni dopo, quando un gruppo di Stranieri portarono nel nostro borgo la paura delle streghe e ci fu detto che ‘le streghe erano tra noi’, iniziò a mormorare con le comari della mia ‘scelta di solitudine’.
A poco servì l’avere assistito queste Donne durante i parti, l’avere curato i loro piccoli o avere passato le notti aiutando le loro capre malate: un po’ per volta, il leggero venticello del mormorio si trasformò in un tornado. Vecchie invidie e rancori mai sopiti si scatenarono in inferno di mezze accuse, che, in poco tempo, divennero accuse complete, ben confezionate, che qualcuno portò all’attenzione degli Stranieri.
Ne seguì un processo sommario. Qualcuno, pentito, cercò di ritrattare le proprie affermazioni e le accuse mosse nei miei confronti, ma fu minacciato di finire sul patibolo con me…
Fui torturata e, alla fine, misi la firma (una croce, visto che non ho mai imparato a scrivere) sulla pergamena scritta dagli Stranieri, e con quella firma ammisi tutto: d’essere una strega, d’avere ricevuto la mia conoscenza dal Diavolo in persona, d’avere ucciso e mangiato bambini e… non so più che altro! qualcuno disse che non era vero, ma non fu ascoltato; anche il Prete cercò di intromettersi, dicendo che non era possibile: nessun bambino era mai sparito dal borgo o dai paesi vicini… chi potevo aver mai ammazzato e mangiato??? Fu messo a tacere pure lui, e qualcuno degli Stranieri ipotizzò che avesse una ‘tresca’ con me. Altra falsità, ma il poveretto, un uomo già vecchio quando io ero nata, non poté aiutarmi.
Fui condannata al rogo.
A quel punto, qualcuna delle Comari iniziò a rendersi conto di cosa stesse succedendo, di cosa avessero portato le loro chiacchiere velenose. Avevo aiutato tutti, tutti gli Esseri Viventi che si erano rivolti a me perchè malati: come potevo essere un’emissaria del Demonio?
Qualcuno, disperato, si chiese come fosse stato possibile arrivare a tanto, ma la macchina infernale non si poteva più fermare.
Guglielmo fu il primo a disperarsi, ma ormai era tardi: il venticello della calunnia si era trasformato in un uragano che mi aveva travolta.
Fui condannata al rogo. E sul rogo morii.
Io sono Mirta Luce, e il cognome non ha importanza: sono morta per le calunnie di Persone che non capivano il male che stavano facendo. Sono morta, ma la mia Anima immortale ancora vaga – sconsolata – sperando che la Caccia alle Streghe finisca, ma non è così. Ogni secolo ha le proprie ‘Streghe’: Zingari, Ebrei, Dissidenti Politici, Bambini Non-Vaccinati, Mamme Non-Immunizzate-per-l’HPV o Streghe che dir si voglia, e ogni secolo ha i propri ‘Stranieri’ che seminano odio e tempesta e puntano sull’ignoranza e sulle paure che albergano nell’animo di ogni Persona per calunniare, processare ed eliminare gli ‘sgraditi’….”


Commento al post precedente

…questo scritto descrive esattamente la lotta tra le forze del Bene e le forze del male, da tempo immemore si protrae questo vortice di calunnie, diffamazioni, invidie, gelosie, tradimenti, ruberie, violenza ed errori… questo mondo è il regno di satana, lo Straniero che nessuno ha mai visto ma che tutti hanno incontrato nel corso delle varie incarnazioni, non esiste un’anima sulla terra che non abbia subìto gli orrori che questo spirito senza Luce pianifica continuamente perché finché ci saranno Esseri che odiano i propri fratelli, lui non morirà.

|| Da mia Madre e da mia Nonna ho imparato l’arte di riconoscere le
malattie e di curarle: talvolta, basta una preghiera detta con fede,
talvolta servono erbe, impiastri, decotti e infusi, talvolta – purtroppo
– nulla di tutto questo serve, e il malato muore.||

Questo è il dono che ognuno di noi deve trovare dentro se stesso, chi è più risvegliato si metta al servizio del prossimo, l’arte della vera medicina viene dallo spirito, solamente così si possono curare le malattie… e anche quando sembra che non ci siano più rimedi c’è sempre la possibilità di autoguarirsi, perché come disse Paracelso * siamo angeli che dormono il greve sonno della carne* quando il nostro compito sulla terra finisce ritorniamo nelle dimensioni superiori perché siamo Esseri immortali (Angeli).

Perdonatemi per queste mie riflessioni fuori luogo ma io credo che le malattie non siano uguali per tutti e non esistono farmaci che vanno bene a prescindere, i vaccini ad alcuni possono far bene ma ad altri possono rovinargli l’esistenza, checché ne dicano i professori esperti in materia.
Un caro saluto


Big Pharma esplicita e senza vergogna

Da cosa nasce la decisione di obbligare e non informare?

Vaccini e farmaci, Glaxo scommette 1 mld sull’Italia

di Roberto Turno (da Il Sole 24 Ore di oggi)

GlaxoSmithKline (Gsk), la multinazionale britannica del pharma, raddoppia e decide di scommettere ancora un miliardo in Italia nei prossimi quattro anni. Un investimento sostanzioso e forse addirittura sottostimato rispetto ai programmi mondiali di Gsk, che proprio dalle attività nel nostro Paese conta di incrementare il business del gruppo… (Articolo completo qui http://www.sanita24.ilsole24ore.com)


Da una madre che ha deciso di non vaccinare la figlia

Articolo riportato da un utente in riferimento ad una scelta coraggiosa di una madre che ha scelto di informarsi per il bene della figlia. Informarsi ci salva dall’ignoranza e ci toglie il nero manto della paura che il Ministero mondiale della “salute” ci vuole tenere addosso (n.d.r.)

Perché non vi ho affidato la vita dei miei figli

In questi giorni si parla (?) di vaccini e, come al solito, monta la guerra tra chi ha vaccinato e chi non ha vaccinato (antivaccinisti ci chiamano i cretini che non hanno capito niente, o quelli che hanno l’interesse a mischiare le carte in gioco).

E fa comodo così, far fare la guerra tra poveri tra bianco e nero, evitando di affrontare tutte le sfumature che ci sono tra i due, sfumature fatte di domande a cui non si dà risposta o le cui risposte vengono date tramite mezze verità.

Non parlo per tutte le mamme che hanno scelto di non vaccinare i propri figli perché ognuna ha le sue motivazioni, parlerò di me e della mia vita, del mio passato, delle mie esperienze, delle mie domande, delle non risposte che son state date a me.

Domanda: Se nella mia famiglia vi sono stati casi di malattie autoimmuni (non ultimo quello di mia madre a cui fu diagnosticata la malattia nel 1999 e morì nel 2012), è possibile che le vaccinazioni siano “pericolose” per i miei bambini, calcolando anche che lei non poteva, proprio perché affetta da questa “malattia”, fare vaccini?

Risposta data dalla pediatra che avevamo allora: “Non vi sono evidenze scientifiche di correlazioni tra insorgenza di malattie autoimmuni e vaccinazioni”.

Riflessione di una semplice madre: Se è così non vi sono neanche evidenze scientifiche del contrario; nella malattia autoimmune il sistema immunitario “impazzisce” e comincia a colpire gli organi che dovrebbe invece proteggere, probabilmente quel sistema immunitario in particolare è più fragile rispetto a quello delle altre persone, allora come fai a non ritenere almeno possibile che farlo “assaltare” di punto in bianco, saltando tutte le prime forme di difesa dell’organismo, dalla bellezza di diciotto ceppi di malattie diverse non possa, in bambini predisposti a causa della famigliarità, creare qualche problemino? Se per stessa ammissione della comunità scientifica tutta, delle cause di insorgenza di malattie definite autoimmuni si sa ancora poco e niente come fai a liquidare la cosa così, con questa superficialità? Forse sarebbe stato il caso di approfondire magari facendo esami specifici pre-vaccino? Forse sarebbe stato opportuno continuare la frase con un : “… quindi ritengo sarebbe opportuno che sentisse un immunologo per tranquillizzarsi”? O proporre di aspettare qualche mese per verificare meglio la salute di mio figlio?

(continua qui)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...