Vaccini e danneggiati. Una svolta

Abbiamo sempre menzionato i media come il veicolo a senso unico del Sistema, il cui scopo è fagocitare le Coscienze. Ma a volte emergono delle discrepanze e questo, a mio avviso, è dovuto al movimento di Coscienze che prende tutti ed al quale qualcuno risponde, tanto è forte la voce che urla da dentro. Così accade per tutti: medici di un certo spessore che vengono derisi e radiati, giudici che prendono decisioni scomode, docenti che sfidano l’ostruzionismo del comparto didattico… giornalisti compresi, come il caso di Udo Ulfkotte. Ma dentro le redazioni anche altri stanno muovendosi e succede allora che viene fuori un articolo che mai ti saresti aspettato uscisse dal megafono del Sistema, probabilmente tramite una voce fuori dal coro.


Danneggiato da vaccino su Repubblica

28 febbraio 2019

MODENA – Danni irreversibili da vaccino obbligatorio: mezzo milione di euro alla famiglia. Dopo una lunga e dolorosa vicenda iniziata nel 2004, una sentenza del Tar ha stabilito che i coniugi hanno diritto anche a una seconda tranche di risarcimenti. 

La diagnosi è “cerebropatia cronica con grave ritardo nell’apprendimento, epilessia sintomatica, encefalopatia post natale e deficit visivo”. La causa: il vaccino esavalente.

Nel 2013 in base a complesse perizie il giudice aveva accertato un nesso di causalità tra la somministrazione (nel 2004) di Infanrix Hexa e le patologie immediatamente insorte nel neonato (all’epoca tre mesi). La causa civile contro il Ministero della Salute era iniziata nel 2011.

Lo scorso 20 febbraio la seconda sezione del Tribunale amministrativo regionale ha accertato l’illegittimità del silenzio del Ministero della Salute rispetto alla domanda di indennizzo aggiuntivo presentata dalla famiglia  in base alla legge 229 del 2005. Si tratta infatti del riconoscimento dovuto ai danneggiati da complicanze di tipo irreversibile, causate appunto da vaccinazioni obbligatorie. I giudici hanno condannato il Ministero a versare il dovuto non oltre novanta giorni.

“I primi sintomi erano insorti nel piccolo dopo la puntura: parliamo del vaccino esavalente  – spiega all’edizione locale de il Resto del Carlino il legale della famiglia, l’avvocato Francesco Terruli – e il tribunale, con sentenza del 2013, vista la consulenza tecnica d’ufficio, ha riconosciuto il nesso di causa tra la somministrazione del vaccino (contro pertosse, tetano, poliomielite, tra le altre) e i deficit. Il Ministero pagò una prima tranche dopo la prima sentenza del Tar a cui ci siamo rivolti proprio perché nulla, ancora, era stato versato nonostante la sentenza passata in giudicato. Poi – spiega ancora l’avvocato – essendo previsto l’ulteriore indennizzo dalla legge 229 del 2005, abbiamo presentato nel 2017 un’ulteriore domanda per ottenere il risarcimento, appunto anche perché le condizioni dell’adolescente sono gravi. Eppure il Ministero ancora una volta è rimasto in silenzio. Il 20 febbraio il Tar ci ha dato ragione, condannandolo a pagare quelle somme che spettano per legge ai coniugi modenesi e corrisposte come ulteriore danno al minore e a chi presta assistenza”.

Continua sul sito della fonte https://bologna.repubblica.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...