Microchimerismo, Karma dal DNA

Il rinvenimento di spermatozoi nel corpo umano femminile, anche di esseri deceduti, riguarda l’esperienza che quella donna ha fatto nella sua vita nei suoi trascorsi sessuali. Questa è la prova della mancanza di conoscenza nell’utilizzo delle acque seminali e del rapporto sessuale in sé.

Spermatozoi.jpgOgni spermatozoo porta in sé un informazione del DNA del maschio che lo ha emesso e del quale ne è la sintesi. Stiamo parlando di quello che accade a persone inconsapevoli, che subiscono tutto quello che sono i loro atti. In questo caso è la prosecuzione della legge del karma, della causa-effetto, la fonte di tutte le problematiche relative alle malattie genetiche. Viene logico pensare che lo spermatozoo che porta questa informazione non fa altro che trasmetterla all’ovulo e quando esso non è fecondato la trasmette alle cellule circostanti. Esattamente come accade quando noi in un dialogo influenziamo le idee di un’altra persona cambiandone le prospettive e le relative azioni collaterali  che portano a loro volta ad un altro approccio in ambito sociale e alle relative conseguenze nel bene o nel male. Queste sono semplici deduzioni derivate dalla conoscenza profonda che ci hanno trasmesso grandi Esseri come Ermete Trismegisto nel suo assioma “così in alto come in basso, così dentro come fuori”. Partendo da questo assunto possiamo relativizzare tutto ciò che ci circonda in qualsiasi ambito, soprattutto salutistico e di conseguenza spirituale (cosa ne sarà di noi una volta non più qui?). Possiamo così dedurre che il DNA è la sintesi della informazione che viene trasmessa a livello cellulare. Questa informazione entra a far parte della psiche della persona, dato che la psiche o anima si forma con tale esperienza, conformandola alla informazione stessa e portando avanti tutto quello che è la forma di vivere inconsapevole degli esseri umani comuni; che a questo punto diventano schiavi ed in balia di una mente la cui proprietà è quella di un Ego che trasmigra di corpo in corpo. E questo succede anche nel momento in cui ci sono trasfusioni di sangue o trapianti di organi.

Con questo ci tengo a precisare che non sono contro questo tipo di approccio terapeutico, se si tratta di salvare una vita che può ancora trasmettere dei valori e perseguire il suo destino fino al suo completo compimento, ma bisogna considerare che un’azione estrema di questo tipo, come il trapianto di un organo, dovrebbe essere appannaggio di persone che hanno la capacità di trasformare tutto ciò che sono le informazioni contenute nell’organo stesso a proprio vantaggio, riprogrammando, con la Volontà cosciente attraverso la forza della propria Intenzione, le informazioni insiste nelle cellule che fanno parte dell’organo inserito in quel corpo.

A questo proposito è interessante ragionare su questa considerazione: una persona in un cammino di consapevolezza automaticamente è su di un cammino di auto cura e sta scremando tutte le parti negative in sé che portano alla fine al materializzarsi di una malattia o di una disfunzione in ambito fisico. A meno che questa non sia un debito karmico dovuto a vite precedenti non certamente virtuose, dove il proprio Ego ha fatto la parte del protagonista.

La funzione principale del Ego è quella di ostacolare l’evolversi della coscienza ammalandone il veicolo fisico e cercando di ridurre il più possibile i suoi valori vitali e quindi anche la sua durata. Se parliamo invece di esseri consapevoli succede un radicale cambiamento; la persona consapevole attinge le informazioni che le servono per evolversi attraverso il libero arbitrio, attraverso l’esperienza, gli errori, e le dovute correzioni che servono per perseguire una vita virtuosa a discapito della densa energia egoica, che altro non genera se non tutte le forme di egoismo estremo. Chi si comporta così sta allenando la forza di Volontà e scoprendo il vero Intento che lo muove verso il raggiungimento dell’obiettivo prefisso o destino cosciente. È chiaro che questo atteggiamento va ad influenzare tutte le cellule, e va a ricodificare il DNA con una nuova informazione totalmente diversa da quella precedentemente descritta.

sessualita-sacra.jpgQuindi, per concludere, l’ideale sarebbe che una donna praticasse l’attività sessuale solo con un uomo nella sua vita ma questo è appannaggio solo di Esseri superiori. Al nostro livello umano è plausibile e scusabile tutta l’esperienza sessuale passata ma, nel momento in cui avviene questa presa di coscienza, quello che il microchimerismo avrebbe portato, cambia di valenza perché gli spermatozoi, incamerati nel corpo femminile, e che fanno parte delle esperienze con uomini di dubbia moralità, ricevono una nuova informazione ed il codice genetico che loro portano viene azzerato e cambiato a vantaggio di una evoluzione spirituale. Questo approccio ci stacca dalla legge del Karma, che in sanscrito significa castigo, e dalla ridondanza e ripetizione di tutti i teatrini nei quali il nostro Ego sguazza.

Ed ecco che inizia una nuova vita, una vera rinascita.

Annunci

Un pensiero riguardo “Microchimerismo, Karma dal DNA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...