L’auto ad acqua secondo H1 srl. Guardatevi bene dall’acquistarlo!

In questa intervista, che mi vede protagonista, racconto la storia della mia avventura colma di fiducia in una tecnologia che finalmente si concretizzava. Sulla base degli studi di Stanley Mayer (vedi articolo QUI) ho acquistato ad occhi chiusi il kit in oggetto, pregno di promesse che la ditta forniva a noi venditori. Con tanto di tabelle dei test forniti, con altrettante mail inviateci di testimonianze dirette di altri consulenti entusiasti dei risparmi fino al 50%, mi sono convinto che la cosa andava supportata. La tecnologia prevede la produzione di ossidrogeno attraverso una cella elettrolitica installata nel cofano dell’auto; il gas prodotto (chiamato “gas di Brown”) viene immesso nella camera di scoppio per depressione e si comporta come un additivo.

Così, nel giugno 2016 mi sono deciso ad acquistarlo… Ma la cosa, ahimè, avrebbe avuto poi altri risvolti…

Questo è il contratto sottoscritto con i dati del risparmio minimo garantito (clicca per ingrandire):

 

Questa invece la prova dei consumi dopo un pieno. L’auto utilizzata è una Fiat Punto Ex 1200 benzina. Il suo consumo medio abituale si attesta sui 17 km/litro. Dopo migliaia di chilometri percorsi con il kit H1 installato il risultato non è cambiato di una virgola.

Resto in attesa di contatti per valutare azioni verso la ditta: scrivete all’indirizzo andreapilati67@gmail.com

Teniamo gli occhi aperti perché di questi tempi le truffe sono dietro l’angolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...