Caldo e freddo anomali, temporale di gennaio al Nord Italia… le previsioni del tempo psicologico da qui a venire

A cura di Andrea Pilati

È gennaio… come dire, lo sapevamo già! Certo, ma è anche l’inizio di un anno che si prevede un po complicato, forse più di quello precedente, a cominciare proprio dall’inizio.

Da quando sono state sciolte le Camere è iniziato il conto alla rovescia per accaparrarsi il posto al sole del Parlamento, come prassi consolidata da tempo immemore. Nella corsa si affacciano anche persone corrette e in buona fede, ma sono la minoranza e non avranno voce in capitolo tra le urla delle folle parlamentarie, brave a schiamazzare come le oche con svolazzar di piume, cattivo esempio di valori umani persi. Sto parlando dell’Italia, naturalmente.

Ma la politica non è argomento di questa dissertazione, il titolo prevede tempeste. Infatti, l’altra notte qui nel Nord Ovest d’Italia, è accaduto un copioso rovescio temporalesco, con tanto di fragoroso tuono. Ha dell’incredibile ma è così:

 

Grandine Pray 9 gennaio 2018.jpg
La gradinata anomala nel comune biellese

Violento maltempo nella mattinata di oggi, 9 gennaio sul Biellese. A Pray, come indica il sindaco Gian Matteo Passuello, tuoni, fulmini e una violenta grandinata hanno colpito buona parte del paese senza però provocare problemi alla viabilità. “Sono in corso lavori di pulizia di tombini e griglie stradali – spiega – inoltre è in corso una modesta piena del torrente Sessera causata dalle forti piogge che cadono anche in quota. Una situazione anomala per la stagione, causa anche le temperature elevate che si stanno registrando in questi giorni”.

Fonte: www.newsbiella.it

Oramai siamo talmente lobotomizzati dai media, inibiti nell’empatia dal pracetamolo,  che certi avvenimenti li avvertiamo come un po fuori dalla norma ma in linea con quello che ci hanno indotto, con astuzia, a credere, ossia i cambi climatici sul modello di “The day after tomorrow” o “Geostorm”. Se abbiamo perso il senso critico e lo scetticismo necessario per porci le giuste domande ed avere i leciti dubbi su tutto ciò che capita intorno, allora saremo giocoforza in mano ai Loro fili, convinti di avere noi in mano il nostro destino.

Intanto che noi siamo presi dalle nuove candidature, come scritto nel precedente articolo https://traterraecielo.live/2018/01/09/italia-4-marzo-apertura-dei-recinti-elettorali/, nelle altre parti del mondo si stanno gestando altri avvenimenti climatici che poi si riverseranno sulla psiche delle persone. Questi eventi fungono da telecomandi sui quali il tasto più grosso è quello della Paura e con il quale i Governanti ci comandano a distanza.

Oggi è la Paura del clima, poi sarà la Paura dei movimenti geologici, poi la Paura dei movimenti politici, poi la Paura dei crolli economici… e nel mezzo le masse dormienti, tra l’incudine e il martello.

Ma passiamo un momento per la California di qualche mese fa quando in ottobre imperversavano immani ed indomabili incendi:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se queste foto non hanno sollevato qualche perplessità sull’artificiosità di questo evento allora credo che questo articolo abbia poco da dire. Altrimenti continuiamo…

Correva l’anno 2016 e verso il finire, nella vicina Arabia Saudita, in Algeria, in Turchia, zone calde se non erro, cadevano copiosi fiocchi di neve, chicchi di grandine e acqua a fiumi. Come da tradizione… Per verifica, l’articolo è questo: https://traterraecielo.live/2017/03/29/la-neve-in-arabia-dovra-essere-normale/

Ma il Global Warming (termine coniato dopo la prima riunione sul clima a Rio de Janeiro nel 1992) porterà anche questo, e in altre zone del Pianeta diventerà il Global Cooling. Stavo scherzando e mi sono messo a cercare “Global cooling” e guarda un po che ti trovo? https://en.wikipedia.org/wiki/Global_cooling

Negli anni dal 1950 al 1970 le previsioni erano di un raffreddamento globale… Poi l’Organizzazione Meteorologica Mondiale cambia parere. Si mettessero d’accordo una buona volta. No, perché ultimamente il climatologo di fama mondiale Michael Grubb ci instilla nuove perplessità ammettendo che “Ci siamo sbagliati” intitola l’articolo del Times (niente meno!) nella edizione del 19 settembre 2017. “Il riscaldamento globale è più lento del previsto”. Per approfondire questo è l’articolo: https://traterraecielo.live/2017/10/19/riscaldamento-globale-verso-lo-scoprimento-del-velo/

Ma torniamo ai nostri giorni e vediamo come è iniziato l’anno nel mondo:

Il freddo è arrivato in Africa e un manto di neve ha coperto il Sahara

Non succede spesso, 4 volte negli ultimi 37 anni, e per questo è uno spettacolo straordinario. Domenica mattina è nevicato a Aïn Sefra, una località che si trova a un’altitudine di 1000 metri, in Algeria, nel deserto del Sahara.
La neve è scesa sul Sahara per il secondo inverno consecutivo da 40 anni a questa parte. Tra la fine del 2016 è l’inizio del 2017 infatti, in alcune zone del Sahara erano caduti circa 80 cm di neve. L’evento fu considerato eccezionale, ma ora è accaduto di nuovo.
In Massachusetts l’Oceano si è ghiacciato; ma la sua latitudine è relativa alle zone temperate come si evince comparando la mappa relativa alle latitudini europee:
Europa - Nord America
Boston. la capitale del Massachusetts, è a livello di Roma. Miami, capitale della Florida, è a livello dell’Arabia Saudita, si sono registrate temperature prossime a -10°C

Le rigidissime temperature che hanno investito buona parte degli Stati Uniti d’America non hanno provocato disagi solamente alle grandi città, ma a guardare dalle immagini proposte su YouTube da Ryan Canty anche l’Oceano Atlantico sembra essersi arreso al grande freddo, trasformandosi in un’immensa distesa di ghiaccio abbastanza resistente da poter sostenere il peso di una persona senza spaccarsi.

Una situazione di totale incredulità per gli abitanti della zona, abituati a sfruttare la spiaggia di Cape Cod per fare il bagno nel periodo estivo.

Fonte: www.tgcom24.mediaset.it

In Florida – dove in alcune zone nel sud dello Stato la colonnina di mercurio è scesa attorno allo zero – l’ondata glaciale messo in crisi alcune specie animali abituate ad un clima decisamente più mite. Come le iguane, che a causa del congelamento stanno letteralmente piovendo dagli alberi: nei sobborghi di Miami i cittadini hanno riferito di tantissime iguane trovate a terra paralizzate dal gelo.

Fonte: www.giornaledibrescia.it

Ma se in America si congela e in Arabia si rinfrescano, in Australia se la vedono male visto che al freddo ci si può coprire ma nel caldo non ci si può scuoiare:

Mentre l’Europa e gli Stati Uniti sono sferzati dal gelo, in Australia si registrano temperature mai così alte da 79 anni.
A Sydney, in particolare, si sono toccati i 47,3 gradi centigradi. Lo riferisce la Bbc.

Le autorità locali hanno emesso avvisi a non accendere fuochi in tutta l’area intorno alla città, per il timore di incendi. A Penrith, ad ovest di Sydney, molte persone hanno accusato malori durante le ore più assolate.

Si è arrivati a toccare quasi il record del 1939, quando la temperatura nella stessa zona arrivò fino a 47,8 gradi.

Fonte: www.giornaledibrescia.it

Bene, queste le anticipazioni nel mondo. Abbiamo fatto caso che riguardano principalmente le zone sotto controllo di Washington? Ora la domanda è: quali ripercussioni avranno su di noi? Cosa ricavare da queste notizie meteo rapportandole ai fatti politici e geo politici che avverranno nel prossimo futuro? Ci sarà una correlazione? Io penso di sì… Se chi andrà al governo in Italia non si adeguerà all’agenda dei veri Governanti, quanto sopra verrà usato come semplice catalogo da mostrare per le future ripercussioni a chi non cederà ai loro ricatti. Un’altra zona di Conoscenza e di Arte è stata sottomessa al punto da essere schiava obbediente dei poteri economici e con le sue proprietà privatizzate. Sto parlando della Grecia, la culla della civiltà europea, patria della Democrazia.

Come anticipato, la Paura è la leva fondamentale che i Governanti agonizzanti utilizzano come ultima chance contro il risveglio delle Coscienze. Le proveranno tutte ma se ci alleneremo a vincere la Paura con l’arma della Comprensione, senza affrontarla come un soldato (butteremo benzina sul fuoco, altrimenti, dato che si alimenta delle nostre ire) ma con lo sguardo per quello che è, non un enorme drago fumante ma una piccola creatura che nulla può contro di noi, allora ce la faremo e diventeremo resilienti e agiremo a mente lucida. La Paura la si sconfigge prima di tutto ammettendo in totale onestà di portarla dentro. Analizzandoci bene potremo comprendere come essa faccia leva sul possesso. Sulle nostre (nostre?) cose materiali: soldi, casa, auto, lavoro; sui nostri affetti: moglie, marito, figli, amicizie… Comprendendo questo e facendo un lavoro sul distacco da queste situazioni vedendole come legate al tempo (ma senza per questo sminuirne l’importanza, specialmente sugli affetti), saremo meno vittime di questa energia densa e riusciremo a vedere le cose da un punto di vista più elevato perché avremmo elevato la nostra energia ed il nostro grado di consapevolezza. Un consiglio che mi sento di esprimere: in ogni situazione, anche la più tragica, un sana risata, scevra da sarcasmi ma pregna di innocenza, è un toccasana e spiazza il più incallito dei nostri Ego.

Bimbo che ride

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...