Medico di Torino smonta punto per punto le obiezioni al vaccino anti Covid-19. Perché non dargli ragione?

A cura della redazione

Riceviamo e riportiamo una lettera di un nostro lettore, rivolta alle esternazioni di un luminare, esperto in medicina, per quarant’anni sul campo. Come non dargli ragione, l’esperienza fa curriculum e fa tacere gli stolti.

Sempre che questa esperienza sia garantita, non solo dalle sue affermazioni, ma anche da documentazione verificabile.

Partiamo quindi dalla pubblicazione del medico, Dr. Ottavio Davini presente su un quotidiano online:

Voglio invece capire perché adesso c’è questa feroce e scomposta opposizione al vaccino.
Dato che continuiamo a ripeterci che, con chi è contrario ai vaccini, non bisogna essere aggressivi, ma che occorre essere pacati, argomentando serenamente e cercando di spiegare, mi sforzerò di essere educato, ma non sono certo di riuscire nell’intento.

Andiamo per punti.
1. Non si sa cosa c’è dentro.
Si sa benissimo (vedere sito AIFA), e certamente non ci sono 5g, feti morti, metalli pesanti e altre cagate del genere: in pratica ci sono particelle di grasso che includono l’mRNA (vedi dopo), colesterolo, sali, saccarosio e acqua. E basta.

LEGGI TUTTO…

Ottavio Davini, medico con 40 anni di esperienza

Qui di seguito invece la risposta del nostro lettore:

Complimenti! Con la sua lettera ha fugato tanti miei timori. Ha davvero un’ottima dialettica che s’addice ad un avvocato, specialmente, quando parla degli articoli della nostra Costituzione.

Meglio di James Bond, con un colpo di spugna ha disinnescato tutte le tesi dei cospirazionisti, dei negazionisti, dei complottisti, dei no vax e, chi ne ha più ne metta, in quindici salienti punti.

Nemmeno il buon Dio ha fatto tanto… è arrivato solo a dieci!

Come tutti, ricerco la Verità. La Verità oggettiva. Essa è un fatto. Poi, ognuno, la vive come vuole in base alle sue esperienze culturali e sociali, dandole nei ricordi delle sfumature personali. Tuttavia, la Verità è unica e non si può distorcere.

La dimenticanza della parte più importante dell’articolo della Costituzione mi dà da pensare: una svista? O è “tirar acqua al proprio mulino” o, meglio, per rafforzare le proprie tesi così abilmente dibattute?

E’ stato troppo bravo a scrivere questa lettera e, non penso, che sia così…

Un teste chiamato dal giudice al banco dei testimoni deve raccontare la verità, se omette qualcosa di importante per il caso in esame, può esser accusato di falsa testimonianza…

Credo nella sua buona fede, nella sua professionalità e nella sua reputazione, ma mi lascia perplesso la sua foto! Essa la ritrae come un uomo che avrà al massimo 55 anni, non credo sia stata ritoccata o che appartenga ad un altro dato che ci ha messo nome e cognome ed è autore di un paio di libri (questa sarebbe una falsità che inficerebbe tutto quello che ha “dimostrato”), di sicuro non ne ha 70, età dalla quale si desumerebbe la sua esperienza quarantennale nella medicina, dato che non può essersi laureato con 15 anni!

Per avvalorare le sue dotte ipotesi, sarebbe stato utile elencare il suo curriculum vitae di questi quarant’anni nella medicina!

Mi chiedo: E’ un medico generico? La sua specializzazione non è stata indicata… E’ un pediatra? E’ un ginecologo o è un virologo? Se è quest’ultimo, ha lavorato in Paesi dove esistono virus altamente mortali e quali sono state le sue esperienze sul campo?

Ma, non sembra che abbia studiato i virus – altrimenti l’avrebbe dichiarato -, tuttavia, ad ottobre 2019 ha pubblicato un libro su questo argomento, mi viene da pensare che la sua accorata lettera non sia che un’operazione di marketing per aumentarne le vendite?

Inoltre, sarebbe interessante conoscere la sua estrazione politica per capire da che pulpito arriva la predica, ben sapendo che la politica in questo dibattito di “emergenza sanitaria” poco dovrebbe centrare.

Comunque, vorrei mettere alla sua attenzione che quest’influenza Covid-19 non è l’Ebola! Non è la peste e nemmeno il vaiolo.

Onde evitare di tacere una parte della Verità con semplici congiunzioni avversative avrebbe dovuto aggiungere: “Questo è quello che penso, sebbene/ma/tuttavia centinaia di miei colleghi nel mondo hanno curato i loro pazienti con medicinali esistenti da anni ed economici e, pertanto, affermano che non c’è nessun bisogno di vaccinare nessuno!”

Purtroppo, questi medici, chissà perché, vengono snobbati, perseguiti con la minaccia di radiazione, calunniati e censurati, se non si attengono alla sua tesi alla quale si è dedicato con tanta passione.

Le ricordo che l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) cataloga un’epidemia come pandemia, quando il 12% della popolazione mondiale – attualmente, circa 1 miliardo di persone – ha contratto una malattia virale. Tuttavia, ad oggi, i contagiati sono circa l’0,02%! Anche ammettendo 80 milioni di morti, come i mass-media comunicano coi loro terribili bollettini giornalieri, la percentuale salirebbe all’1%… Percentuale ben lontana da proclamare l’emergenza della pandemia mondiale…

Inoltre, come mai decine di avvocati costituzionalisti, stanno combattendo affinché non si passi ad una vaccinazione forzosa della popolazione violando i nostri diritti civili ed umani (ottenuti con il versamento del sangue dei nostri avi durante le guerre e le rivoluzioni), ma li tutelano e vigilano affinché vengano onorati e rispettati?

Questi sono fatti, dottore!

Come mai non ne ha fatto menzione nella sua lunga filippica?

“A pensare male si commette peccato, ma spesso ci si azzecca”. Cit. Giulio Andreotti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...