Italia da morire, a chi tocca salvarla?

A cura di Andrea Pilati

A forza di censure non si potrà più postare alcun ché che non sia approvato dal Ministero della Verità. È il caso successo ultimamente alla pièce teatrale di Gramiccioli “il decreto” in diretta Facebook, il quale non gradisce che si parli male dei suoi padroni.

Ma la cosa che più interessa è l’astuta mossa di mettere l’Italia sotto la direzione di una commissione di tecnici sul modello della troika europea. Siccome fare accordi con il MES sarebbe stato troppo sfacciato e sarebbe stata una ammissione di consegna di chiavi di casa troppo evidente, allora hanno optato per la strada laterale, mostrando invece in facciata la solita recita del “pugno duro” dicendo “no al MES, per nessun motivo!”.

Poi basta che insedi dei tecnici collegati proprio agli ambienti della finanza, quella che spolpa senza scrupoli, peggio di un avvoltoio, quelli che volevi proprio che agissero se approvavi l’intervento del MES… et voilà, risolto il problema.

Lo si evince dalla lettera a Conte scritta da Francesco Amodeo sul suo sito, e che invito a leggere integralmente. Qui i punti salienti:

Milton Friedman il fautore di questa dottrina dello shock fu estremamente chiaro: “bisogna sviluppare alternative alle politiche esistenti e tenerle in vita e disponibili finché il politicamente impossibile diventi il politicamente inevitabile”.

Oggi mi rendo conto che quel “politicamente inevitabile” può abilmente essere celato dietro la parola “misure necessarie” e che un commissariamento del paese possa essere nascosto dietro la parola “task force”….

Allora sono andato a spulciare la lista degli esperti da lei scelti…
Vittorio Colao.jpg
Vittorio Colao – Ricordatevi questo volto…

A capo della task force c’è tale Vittorio Colao, vicepresidente della lobby Europea “Round Table of Industrialists” una lobby che in pochi conoscono ma a cui io ho dedicato il capitolo “le lobby di Bruxelles”della mia inchiesta “La Matrix Europea” perché si tratta di una organizzazione nata per tutelare gli esclusivi interessi delle grandi multinazionali, soprattutto straniere. Tra i membri di spicco oltre a Colao troviamo, infatti, Peter Sutherland della Goldman Sachs, la banca che nel 2011 attaccò l’Italia, ma troviamo anche il presidente del Bilderberg, lo spietato Etienne Davignon. Questi sono gli ambienti che frequenta Colao alla European Round Table. Oltre alle grandi banche d’affari internazionali come la Morgan Stanley, dalla quale proviene il capo della task force che lei ha istituito, e che hanno sempre speculato nel nostro paese. Anzi, tornando al Bilderberg, ho notato che il nome Colao appare nelle liste di quella organizzazione per la prima volta proprio nel 2018. Indovini insieme a chi ? insieme a Mariana Mazzuccato, altro personaggio che lei ha scelto per la task force governativa. Ora mi chiedo: si è fatto suggerire da qualcuno o in quegli ambienti dell’alta finanza speculativa hanno davvero la sfera di cristallo, se meno di due anni fa hanno convocato per la prima volta Colao e Mazzuccato e oggi se li ritrovano in una posizione per loro utile al Governo italiano? Opto per la seconda risposta, dato che a quella riunione con loro c’erano anche Ursula Von der Leyen, poi diventata presidente dellaCommissione europea e Charles Michel, poi diventato presidente del Consiglio Europeo. L’anno prima c’era anche Christine Lagarde diventata poi governatore della Banca Centrale europea. Quindi l’unica risposta attendibile e che questi speculatori internazionali abbiano davvero una sfera magica, altrimenti dovremmo pensare che questi personaggi siano proprio loro ad imporli.

https://bilderbergmeetings.org/meetings/meeting-2018/participants-2018

Un altro passaggio interessante dell’articolo di Amodeo è questo:

Cosa c’entrano allora questi personaggi con la task force per risollevare i popoli da una delle peggiori crisi che abbiano mai attraversando? Eppure li avete scelti tutti in quegli ambienti. Enrico Giovannini è uno dei membri del board del Club di Roma ideato da Rockefeller. Cosa c’entrano questi personaggi con noi ? Chi glieli ha suggeriti? Possibile che non esistano in Italia esponenti che amano il proprio paese e che provengano da sindacati, da associazioni, da organizzazioni nate per fare gli esclusivi interessi del popolo italiano?
Allora i sospetti mi vengono. Capirà che se ritrovo l’ex Ad di Vodafone, Colao, esperto di telecomunicazioni, in una task force governativa in un periodo in cui si vorrebbe far accettare al paese la folle transizione verso la tecnologia 5G, comincio a pensare che questa cosa la proporranno tra quelle “misure necessarie” che hanno però bisogno di un popolo sotto shock per essere accettate.
 
Fonte: https://www.francescoamodeo.it/

Allora, dico io, vogliamo parlare chiaro? Vogliamo dire quello che si presuppone come quasi certo? No, perché quello che traspare in tutta la sua evidenza è la voglia matta di distruggere quello che il terremoto non sarebbe in grado di fare, ossia tutto il tessuto produttivo italiano e la sua economia. Iniziando dalle svendite di fine stagione:

Autostrade Italia alla Germania2.png

Autostrade Italia alla Germania1.png
Fonte: https://www.lastampa.it/

E come se non bastasse un’altra mannaia deve essere affondata sul collo della già ansimante economia dello Stivale. Ce lo dice la portavoce tedesca, Ursula von der Leyen:

Von der Leyen - niente vacanze estive causa virus.png
Fonte: https://www.ilgiornale.it/

La von der Leyen consiglia agli europei di non prenotare le vacanze estive a causa della pandemia di coronavirus (le vacanze estive i tedeschi le passano di solito in Italia e il turismo è i polmone della nazione n.d.r.). Pandemia, chiarisce ancora, con la quale dovremo convivere anche nei prossimi mesi: “Vi consiglio di aspettare. Al momento nessuno può fare previsioni affidabili per luglio e agosto”, ha dichiarato al quotidiano tedesco.

Ursula-von-der-Leyen-angela-merkel-2.jpg
Angela Merkel e Ursula von der Leyen padrone dei destini, se glielo permettiamo

La presidente della Commissione Ue si spinge oltre e sottolinea che “senza vaccini i contatti con le persone più anziane devono rimanere limitati. Lo so, è difficile e la solitudine pesa. Ma ne va della vita, non solo della propria”. Una possibile allusione, questa, ad un lockdown prolungato soprattutto per i soggetti più a rischio.

La von der Leyen ha, infatti, rimarcato che mentre asili e scuole probabilmente apriranno prima, nel caso degli anziani si dovrà aspettare di più: “Dovremo imparare a vivere con il virus per molti mesi, probabilmente fino all’anno prossimo”, ha aggiunto spiegando che bisogna essere pronti a“proteggere chiaramente più a lungo” gli anziani e chi ha patologie pregresse perché il vaccino non arriverà entro quest’anno.

Fonte: https://www.ilgiornale.it/

Per ultima, ma non ultima, è la dichiarazione del ministro Speranza circa la riapertura dei rubinetti della libertà, auspicata da tutti ma solo dopo essere stati sottoposti a vaccinazione. Quindi gli italiani sono agli arresti domiciliari e pronti per un TSO di obbligo.

Speranza e vaccino.png
Fonte: https://www.laprovinciacr.it/

Cosa dire? Credo che sia ora che arrivi un aiuto dall’alto, da molto più in alto di questo pianeta perché mi pare di capire che noi, da soli, non siamo in grado di uscirne; e quando arrivi sia preceduto almeno da un segno…

Processione (si fa per dire) del Cristo pasquale a Chieti con colpo di scena finale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...