Cena d’addio di Obama, tra amici (o servi?)

Esplicito articolo di Maurizio Blondet sul commiato del Nobel per la Pace Barak Obama ai suoi colleghi europei ai quali ha dettato gli ultimi compiti prima delle vacanze di Natale.

Compiti che loro cercheranno in tutti i modi di imporci; da notare la volontà della Sig.ra Merkel di ricandidarsi alle prossime elezioni.

Di seguito riportiamo uno stralcio dell’articolo che per la intera visione riportiamo alla lettura direttamente dal portale della fonte

Fonte: www.maurizioblondet.it


la-tavolata-merkel
L’ultima cena

Bisogna di nuovo aver paura dei tedeschi (Obama ha votato Merkel)

I governanti europei, accolto Barak Obama nel suo viaggio d’addio la settimana scorsa, gli hanno fatto l’ultimo regalo:  hanno prolungato di un altro anno le sanzioni alla Russia (costo per l’Italia 7,3 miliardi), poi hanno giurato nelle  mani dell’uscente di  : 1) arrivare comunque a firmare il TTIP,  detestato da tutti i popoli delle due sponde atlantiche; 2) ampliare la globalizzazione sempre di più; 3)  continuare a  tenere aperte le frontiere all’immigrazione senza limiti; 4) mantenere la NATO così com’è, in posizione  di aggressivo riarmo;  5)  continuare e a perseguire   normative mondiali contro il  riscaldamento globale;  6) sul Medio Oriente, e specialmente la Siria, continuare ad obbedire alle direttive che Obama  ha indicato, compresa la finta guerra al terrorismo dell’IS.

“I leader sono d’accordo sulla necessità di lavorare  collettivamente per far avanzare l’agenda transatlantica, specie  nel portare stabilizzazione al Medio Oriente e Africa del Nord [sic], come assicurare la soluzione diplomatica dei conflitti in Siria e Ucraina dell’Est”, così suona il comunicato della Casa Bianca dettato da Obama alla fine dei tre giorni d’incontro.
Non si è trattato solo di un palese  vilipendio alle intenzioni politiche del nuovo presidente Usa, negate una per una, puntigliosamente, dalla NATO, per Trump ‘obsoleta’, fino al  riscaldamento globale (”un imbroglio”) e alla sua dichiarazione che in Siria non bisogna rovesciare Assad  bensì  lo Stato Islamico, fino alla sua volontà di mettere un freno alla mondializzazione; no, è stato molto di più. E’ stato come se i sei governanti europei che si  sono stretti attorno a Obama come loro maestro spirituale, lo avessero votato di nuovo al posto degli americani…

Obama e la Merkel hanno firmato a due mani un editoriale, apparso sui mainstream, degno di due piccioncini convolati a luna di miele: “Germania e Stati Uniti sono profondamente uniti insieme … i nostri due paesi condividono la congiunta responsabilità di proteggere e preservare il nostro modo di vita”


E qui possiamo fare un’appunto; ma di quale modo di vita parla Sig.ra Merkel? Quello della integrazione forzata con i migranti, delle nozze gay e del programma di smantellamento della famiglia chiamato “teoria del gender”, delle sanzioni alla Russia ma dell’accettazione dell’Arabia Saudita al dipartimento della difesa dei diritti umani all’ONU, della firma dei trattati che legittimano gli OGM, e via discorrendo?

Riuscite a vedervi da fuori? No, perché se lo faceste vedreste un gruppo di mediocri attori che interpretano malamente una parte che non gli calza più, che vanno avanti non creduti da sempre più individui; ma andiamo avanti, va…


angela-stanlio-e-matteo-ollio1-1
I commenti sulle crisi umanitarie e sulle politiche sociali

”Il  nostro rispetto per la dignità umana ci obbliga a fornire aiuto umanitario a milioni di rifugiati  nel mondo”, milioni da accogliere; inoltre “la  partnership Usa e Germania è stata essenziale per ottenere  un accordo globale a Parigi che offre al mondo un progetto per proteggere il nostro pianeta” : la lotta al riscaldamento globale con costrizioni  arbitrarie  per trattato.

Agli smarriti Obama  ha assicurato che Trump cambierà, che finirà per rientrare nei ranghi mondialisti perché la carica di Presidente Usa ha una qualità (mistica, trascendente) che dona un speciale grazia di stato, da cui l’infallibilità globalista. Leggere per credere:  C’è qualcosa nelle  solenni responsabilità di questo ufficio… che ti forza a concentrarti,  che esige serietà”, ha detto Obama implicando ovviamente che Trump non è serio:  “E se non sei serio su  questo lavoro allora probabilmente non durerai molto a lungo. Perché ciò porta problemi”. Magari un attentato?…

“Angela, guida l’Occidente al posto mio”

Non sto esagerando minimamente. Infatti il più “grande” e  ufficioso dei media germanici, Der Spiegel, in un fondo di un suo capo redattore   Dirk Kurbjuweit, ha titolato: “L’America  ha abdicato dalla guida dell’Occidente” – e non  contento, vi ha aggiunto: “E’ tempo per l’Europa, e Angela Merkel, di  occupare quel vuoto”.

Letteralmente così.  Alla   Merkel  spetta la guida del mondo  occidentale, perché “ha forti principi morali, come ha dimostrato durante la crisi dei rifugiati”.


L’articolo continua con maggiori dettagli e invitiamo a leggerlo per approfondire

Annunci

Un pensiero riguardo “Cena d’addio di Obama, tra amici (o servi?)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...