Ettore Majorana e free energy

Sembra che sa il tempo di parlare di Free Energy a tutto campo.

E allora perché non cominciare da chi, prima di tutti, ne ha prodotto gli effetti?

Parliamo di Ettore Majorana, il fisico contemporaneo di Enrico Fermi, ma che ne era nettamente più avanti. Ma, come tutti gli individui che sono nati fuori tempo, si sentiva incompreso, in grado di parlare un linguaggio che solo pochi potevano comprendere.

Lui stesso lo dichiara, scrivendo al fratello Luciano: “All’Istituto nessuno capisce nulla. Le mie teorie le possono comprendere solo quattro persone: Bohr, Heisenberg, Dirac e Anderson…”

Certo, un tipino per niente facile… Di pari grado sembra sia stato Nikola Tesla nel campo della ricerca sull’energia elettrica.

Strano periodo quello dei primi del ‘900, pregno di inventori e di audaci invenzioni che, se poste nelle mani giuste atte allo sviluppo dell’essere umano, a quest’ora vivremmo in un Paradiso Terrestre, senza esagerare.

Oltre ad Ettore Majorana e Nikola Tesla possiamo menzionare Enrico Fermi, Albert Einstein, Niels Bohr (fisica), i fratelli Wright, John Maynard Keynes (economia), Robert Goddard (voli spaziali)… Che strana congiunzione astrale sarà mai successa per partorire così tanti personaggi rivoluzionari in tutti i campi?

Ma Majorana attira per il fatto che, ad un certo punto della sua esistenza, ha scelto di “scomparire” facendo perdere le sue tracce. Non prima di averci lasciato gli studi sull’antimateria e le sue infinite applicazioni… ed implicazioni. Al pari delle invenzioni di Tesla anche quella dell’antimateria, se posta nelle mani sbagliate, porterebbe il futuro Paradiso terrestre ad un Inferno dantesco. Pensa, creare energia infinita a costo zero per tutti. Forse non riusciamo nemmeno ad immaginare tutte le applicazioni ed implicazioni tecnologico/evolutive che porta in se una tale scoperta.

Ma in un certo senso è un bene che queste invenzioni siano state tenute in un cassetto perché non abbiamo ancora sviluppato in noi i giusti valori che ci permetterebbero di essere consapevoli utilizzatori dei beni che ci vengono dati. Ora sembra che i tempi siano maturi o che, per lo meno, siamo abbastanza consapevoli e correttamente informati, grazie al fatto che sempre più persone si pongono delle domande e cercano approfondimenti per trovare delle risposte.

Per approfondire l’argomento Majorana propongo di leggere l’articolo apparso sul sito Nexus edizioni QUI

Anche se un po lungo è pregno di interessanti spunti.

Invece, per comprovare quanto sopra sulla presa di coscienza collettiva consiglio la visione di questi interessanti videoclip:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...