M.E.S. ultimo atto?

A cura di Giuliano C.,

E’ di ieri la notizia che il governo è a rischio crisi causa M.E.S.:

fonte

L’ultima cosa che volevo fare nella vita era studiare legge, né tantomeno mi sono mai interessato di quei lunghi, lunghissimi e noiosissimi papelli di regole, commi, articoli che formano uno dei corpus legislativi più completi al mondo, dopotutto siamo la patria della Res publica e del Diritto romano.

Mi son sempre detto che tanto c’era qualcuno altro che si occupava di quelle cose per mio conto. Una società civile dovrebbe funzionare così, ognuno si occupa di una materia in cui è competente e tutti insieme si porta avanti una nazione nel migliore interesse di tutti. Non sono nato ieri per cui si capisce che qualcuno alla fine storcerà sempre il naso, regole e linee guida non sono fatte per esaudire i desierata del singolo ma cercano di trovare un giusto compromesso che possa metter d’accordo un’ampia maggiornaza della poplazione.

Ad oggi però sembra che questo ampio consenso non sia più presente né tantomeno costituzionalmente garantito. E questo ennesimo teatrino sulla probabile crisi dell’attuale governo abusivo, altro non è che l’ennesimo atto di un pessimo spettacolo già visto, e il M5S non vedo perché si faccia tanti falsi problemi visto che ormai la figura barbina l’ha già fatta nei confronti dell’obbligo vaccinale e sul reddito di cittadinanza solo per citarne un paio, senza soffermasi sui vitalizi ai parlamentari.

Ascoltiamo il giurista e magistrato italiano, che ha ricoperto l’incarico di giudice costituzionale, Paolo Maddalena classe 36′:

Le azioni incostituzionali di Giuseppe Conte – Ne parla il Magistrato Paolo Maddalena intervistato da Leonardo Leone

La sensazione è quella di vivere in due Italie, una è quella racconatata in TV e sui giornali di largo consumo e un’altra è quella della vita reale delle persone, compresi medici e forze dell’ordine.

Le dichiarazioni dei medici contramedia e narrazione dominante oramai sono all’ordine del giorno e di questo non posso che compiacermene anche perché, come avevo già scritto qui – Appello alle anime dal cuore puro – , se rivoluzione socio-culturale dev’esserci non può che partire dal mondo medico e da qello delle forze dell’ordine.

I primi si stanno facendo avanti in modo orgogliosamente e patriotticamente coraggioso (non ultimo il caso del Dott. Zangrillo, a prescindere dal suo colore politico, ndr) seguono i secondi anche seppur timidamente e da un sito non istituzionale:

Se quando abbiamo scelto di arruolarci nella #Polizia ci avessero detto cheun giorno ci sarebbe toccato agire come cani da pastore o, peggio, da guardia di una sorta di muro di #Berlino, ci saremmo fatti grasse risate.”

continua sulla fonte

Queste uomini e donne hanno scelto di dire NO. La misura è ormai colma. A fronte di una presunta epidemia, su base nazionale – qui i dati in costante aggiornamento – e col tutto il rispetto dei morti, non si può continuare a recitare una storia che alla luce di fatti concreti non ha più ragion d’essere se non per altri fini che non sono dissimili dal voler, dopo averlo affossato, seppellire un paese e consegnarne le ossa allo straniero per un macabro rituale di resurrezione sotto altra forma che non è più quella dell’identità nazionale… e chi pensa a questo come ad un pensiero fascista è solo un malfidente.

In fondo è solo una questione d’interessi, la differenza la fa di chi si vuol portare l’interesse. Tu di chi vuoi essere il portatore d’interesse? (il fatto che ora citi Renzi non vuol dire che simpatizzo per la destra, anzi. Per la cronaca ho votato a sinistra per sempre, fino all’avvento del toscano):

Renzi  «la Costituzione va cambiata; andrebbe attualizzata sin dai principi fondamentali» [fonte]
Parla di prendere i soldi, risparmiati illecitamente secondo lui, così, senza processo ha già deciso che sono frutto di attività illecite, e di immetterli sul mercato “volontariamente…” – Qui – MoNarch – ho azzardato una previsione, ovvero che saremo il primo paese europeo ad eliminare il contante, spero di sbagliarmi ovviamente.

Notare che parla al plurale, che sia maiestatis o si riferisca a qualcun altro non fa molta differenza ciò che conta è il contenuto del messaggio.

Così come il contenuto del seguente messaggio promosso ormai da mesi dal Prof. Mauro Scardovelli:

L’amore è un’azione

La costituzione può ancora salvarci dalla rovina – Intervista al Prof. Mauro Scardovelli

x

Approfondimenti:

https://www.coordinamentonomes.it/2020/02/26/articolo-2/

https://www.laleggepertutti.it/149097_legge-decreto-legge-decreto-legislativo-differenze

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/archivioNormativaNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&testo=&tipologia=DECRETO-LEGGE&giorno=17&mese=03&anno=2020&btnCerca=cerca

http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/dettaglioAtto?id=73682&completo=true

http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/dettaglioAtto?id=73630

http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/dettaglioAtto?id=73972

x


SCARICA, STAMPA, LEGGI, SPOSA E FAI TUO L’APPELLO ALLA DIGNITÀ

Appello alla Dignità
artista immagine

Fonti:

immagine di copertina: https://www.bloccailcontagio.it/2020/03/18/a-mali-estremi-estremi-rimedi-di-paolo-maddalena/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...