Immobili Italia, svendite di fine stagione

A cura di Andrea Pilati

Con l’ansia da recupero risorse economiche il governo ha avuto l’ordine di procedere alla svendita, in sordina o in evidente spudoratezza, scegliete voi, dei gioielli di famiglia, ossia quegli immobili di proprietà nostra, o dello Stato e quindi pubblica, al miglior privato offerente. Parliamo di immobili che vanno dalle ville alle case cantoniere, dai castelli ai cantieri navali… tutto perché servono soldi. A un lettore assennato, ancora dotato di memoria, non può che venire alla mente l’incipit di questo modo di operare e si ricorderà delle manovre di quel grande stratega succeduto al Berlusconi di nome Mario e di cognome Monti; colui sotto il cui governo l’Italia è stata salvata dalla minaccia del temibile virus dello “spread” (grazie Mario per averci resi edotti su questo termine per noi astruso). Termine che, grazie ancora al Mario docente Bocconiano, abbiamo visto, o meglio, notato, nei contratti di mutuo e che, fino ad allora, non avevamo considerato mai. Che tradotto in “banchese” significa il guadagno della banca che ha prestato i soldi. Altra frottola ma anche qui ci vorrebbe un articolo a parte.

Ma proseguiamo nella disamina dell’oggetto del titolo e vediamo cosa mi ha spinto a portare a conoscenza del lettore di questo fatto.

Leggiamo su Piacenzasera.it:

Piacenza, Palazzo Serafini

“Tra le opportunità di investimento – viene sottolineato – ci sono diverse ex caserme a Trieste e Tarvisio (UD) in Friuli Venezia Giulia, in Veneto a Veneziavicino al Ponte di Rialto, un ex convento con cortili e sale affrescate, in Piemonte palazzi ed ex caserme nel centro di Novara, una villa vista mare in Liguria e in Lombardia aree industriali, appartamenti e un loft sui Navigli a Milano. In Emilia Romagna ci sono palazzi storici a Piacenza e Bologna, in Toscana una splendida villa antica nelle campagne di Firenze e locali commerciali a Piazza del Campo a Siena”.

“Ci sono opportunità suggestive come le case cantoniere proposte inUmbria, un complesso immobiliare nel centro storico di Ascoli Piceno nelle Marche e l’ex convento nel centro di Sulmona in Abruzzo. Nei bandi compare anche un complesso industriale dismesso in Molise, nel Lazio un bell’appartamento in zona centrale a Roma e in Campania, a Caserta, un’ex caserma immersa nel verde. In vendita anche un faro sulla costa ionica della Calabria e terreni edificabili in Sicilia

Fonte: https://www.piacenzasera.it/2019/07/demanio-vende-la-dal-verme-tre-palazzi-storici-asta-ottobre/304943/

Di immobili ve ne sono parecchi, tanti quanti sono gli sfrattati per sopravvenuta morosità non più in grado di pagare un mutuo dopo la chiusura di ditte che davano loro la rata inclusa nello stipendio, e che ora non hanno più.

Ma non ci sono soldi, no? Continuiamo a crederci?

È iniziata così anche in Grecia, l’opera di smantellamento degli Stati; togliendo a piccoli pezzi le parti vitali, i possibili introiti. Tutto è iniziato con le privatizzazioni pre-euro. Ci ricordiamo della SIP poi diventata Telecom? Per poi passare alla vendita del pubblico suolo ai parcheggiatori privati che hanno avuto il solo merito di colorare di blu il monotono bianco che delimitava i parcheggi. Per non parlare dei famigerati “multavelox”, tasse differite per introiti comunali in collusione con le ditte che li propongono (per il nostro bene, chiaro), vendono e gestiscono. E cosa dire poi di quelle che sono chiamate “fontane pubbliche” che ti vendono l’acqua potabile a basso prezzo e a sterilità garantita; sempre per il nostro bene, chiaro. E, per quanto riguarda l’acqua, un tempo si faceva così, e gratis:

Acquedotto romano del i secolo d.C.

E dove li prendevano tutti quei soldi i nostri connazionali di duemila anni fa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...