Rimorsi di Coscienze

Fine 2017, qualcosa si muove. Siamo dotati di un giudice interno implacabile ed imparziale, capace di muovere montagne, di rischiare per la Giustizia e la Verità.

Quella voce la sentiremo con i sensi amplificati al di là del velo, dopo aver lasciato il corpo e cambiato dimensione. La sua non sarà voce sonora ma intensa sensazione inequivocabile, senza menzogne, dirà quello che È.

Ma anche in questa dimensione, a volte si fa sentire e chiama a testimoniare personaggi che nemmeno te lo aspetti.

L’imprenditore che inventò Napster e partner di Zuckerberg nei primi mesi di vita della piattaforma di cui è stato anche presidente, si preoccupa dei bambini: “Solo Dio sa cosa sta succedendo al cervello dei nostri piccoli”

Sean Parker.jpg
Sean Parker

Adesso Sean Parker decide di scagliarsi contro la creatura che ha contribuito a creare: il social blu “sfrutta le vulnerabilità psicologiche delle persone” ha detto nel corso di una conferenza a Philadelphia.
 
In alcuni passaggi Parker, oggi 38enne e milionario, ha ricostruito i momenti essenziali vissuti fra 2004 e 2005. Agli albori del sogno di Zuck. Spiegando che il meccanismo messo in piedi dal social, costruito intorno ai Mi piace, alle condivisioni e ai commenti, funziona di fatto come “un loop di validazione sociale” basato proprio intorno a una “vulnerabilità psicologica umana”. Per le dimensioni che ha oggi, Facebook “cambia letteralmente la relazione di un individuo con la società e con gli altri. E probabilmente interviene in modo negativo sulla produttività”. L’attenzione di Parker si è rivolta anche ai bambini: “Solo Dio sa cosa sta succedendo al cervello dei nostri piccoli”, ha spiegato dall’evento Axios.

Fonte: www.repubblica.it

Ma dopo Sean Parker è la volta di altri pentiti:

evan-williams.jpg
La missione fallita di Twitter nelle parole del cofondatore, Evan Williams: «Credevo che dare più libertà alla gente di scambiare idee e informazioni in rete bastasse di per sé a creare un mondo migliore. Sbagliavo, Internet è a pezzi».

 

Tristan-Harris.png

 

Tristan Harris, ex design ethicist di Google («i tecnici che hanno creato la tecnologia che ti spinge a consultare in continuazione il cellulare tra loro la chiamano brain hacking», hackeraggio del cervello)

Roger_McNamee.png

 

Roger McNamee: «Ho investito e guadagnato molto con Google e Facebook nei primi anni, ma oggi mi rendo conto che, come nel caso del gioco d’azzardo, della nicotina, dell’alcol e dell’eroina, Facebook e Google (quest’ultima soprattutto attraverso YouTube) producono felicità di breve periodo con pesanti conseguenze negative nel lungo termine: gli utenti non si accorgo dei segnali di dipendenza fino a quando non è troppo tardi. La giornata ha solo 24 ore e queste compagnie competono per conquistarne la maggior parte possibile».

Antonio-Garcia-Martinez.jpg

 

Antonio Garcia Martinez che confessa: «Per due anni ho avuto l’incarico di trasformare i dati di Facebook in denaro, usando qualunque strumento legale. Se fate ricerche su Internet o comprate oggetti in un negozio e poi trovare su Facebook delle pubblicità legate alle vostre ricerche e ai vostri acquisti, prendetevela con me: ho partecipato alla creazione di questa tecnologia». Oggi si dice pentito e legge con angoscia le notizie che arrivano dall’Australia: Facebook in una riunione con gli inserzionisti pubblicitari che doveva restare riservata ha detto di avere la capacità di individuare i teenager più vulnerabili «perché tristi, stressati, depressi, insicuri, sconfitti».

Fonte: www.corriere.it

Sempre con Facebook nel mirino troviamo un’altro reo-confesso Chamath Palihapitiya, ex vice presidente del social più famoso del mondo:

 

Piano, piano, prima o poi dovremo ripulirci e a questa ondata di onestà a questi livelli nulla potranno i Governanti Oscuri perché la Luce è più forte delle Tenebre.

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Rimorsi di Coscienze

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...