La misericordia e la pubblicità

I gesti migliori si fanno in silenzio. Quando questi gesti sono accompagnati da pubblicità allora diventano strumento per secondi fini, inducono a pietismi, ad euforia o a rivolte.

Se per caso, poi questi gesti sono compiuti da un leader religioso capace di veicolare coscientemente milioni di persone allora ecco che il gesto diventa un messaggio.

Cosa avrà voluto comunicare “veramente” Papa Bergoglio, l’uomo venuto “dalla fine del mondo” con il gesto della accoglienza in Vaticano di tre famiglie Siriane fuggite dal loro Paese?

c_2_fotogallery_3000656_0_imageVisto le sue dichiarazioni “…i profughi che stiamo accogliendo vengono in regola… Con la collaborazione della Comunità di Sant’Egidio che troverà loro un posto di lavoro…” perché non si impegna a trovare un posto di lavoro agli italiani che lo hanno perso molto prima che arrivassero i migranti e che hanno anche un mutuo da pagare?
Perché solo tre famiglie ospitate in Vaticano quando le case del Cardinale Bertone ne possono ospitare almeno il doppio? E quante proprietà, tra alberghi, chiese sconsacrate, case per esercizi spirituali, locali di accoglienza dei santuari, ecc. potrebbero essere sfruttate per dare accoglienza alle persone che hanno perso un tetto senza essere per forza profughi migranti?

Perché parla di “Trafficanti di armi”  senza fare nomi e cognomi, che tutti quelli che si informano conoscono benissimo (Washington, Arabia Saudita, Israele… ecc.).

Come può un gesuita non rivelare finalmente all’umanità tutto ciò che viene tenuto nascosto? Non sono forse questi i tempi della Apocalisse o Rivelazione?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...