NATO

A cura di Giuliano C.

Per comprendere appieno il seguente post è suggerita la visione dei video proposti.

Cos’è oggi la NATO?

NATO MILITARY POWER – 5′:50″

Vorrei dunque proporvi la visione di questo breve video (2′:30″) in cui l’ex presidente USA D.Eisenhower, alla fine del suo mandato, mette sull’avviso il popolo americano in merito all’eccessiva libertà d’azione concessa al complesso dell’industria bellica. Correva l’anno 1961:

discorso d’addio del Presidente Eisenhower, 17 Gennaio 1961 –

Ricordiamo che durante la seconda guerra mondiale (giugno 1942) fu comandante in capo delle forze americane in Europa e fu richiamato in servizio nel 50′ e nominato da Truman capo supremo delle forze armate del Pattoatlantico.

Il suo discorso di commiato è davvero notevole – anche nella dialettica, le pause gli accenti -, in quanto, pur essendo grato del fatto fatto che dopo quattro guerre in meno di 50 anni (I e II guerra mondiale, Corea del Nord e Vietnam – in realtà ci fu anche una partecipazione con 5mila soldati durante la guerra civile Russa, leggi qui), evidenziava il fatto che questo scenario di continua emergenza bellica aveva reso necessaria la creazione di un’industria di armamenti permanente di vasta portata. Fatto nuovo nella storia americana che già all’epoca occupava 3 milioni di americani nel comparto della Difesa e pertanto era ormai evidente la “totale influenza economica, politica e anche spirituale” (min.1′:10″) di questo apparato che si stava preconfigurando come paritetico a quello governativo ma che tuttavia era formato fondamentalmente da privati che sicuramente avevano poco di patriottico agli occhi del vecchio Ike. Certo riconosceva l’importanza dello sviluppo di questo settore tuttavia non bisognava sottovalutate le profonde implicazioni che ciò comportava in quanto tutte le struttre del paese erano coinvolte e pertanto bisognava vigilare sui tentativi ingiustificati di tale comparto militare-industriale di acquisire più influenza nella vita dello Stato in quanto:

“la disastrosa possibilità della nascita di un potere malriposto esiste, e permarrà. Non dobbiamo mai consentire che ciò possa mettere in pericolo le nostre libertà o processi democratici, non dovremmo dare nulla per scontato, soltanto un cittadino attento e consapevole può imporre, con i nostri metodi e scopi pacifici, il corretto funzionamento dell’enorme apparato di Difesa in modo tale che la sicurezza e la libertà possano prosperare insieme.

Dwight Eisenhower

Non poteva usare linguaggio più diretto e chiaro, tanto che le sue parole echeggiano ancor oggi come un monito più che mai attuale.

Tre giorni dopo questo discorso giurava J.F. Kennedy che prese in consegna il testimone del suo predecessore con tutte le intenzioni di prestare fede al suo giuramento.

Il celebre discorso di John Fitzgerald Kennedy sul dominio dei poteri forti degli USA (1961)

“la parola “segretezza” è ripugnante in una società libera e aperta e noi, come popolo, ci siamo opposti, intrinsecamente e storicamente, alle società segrete, ai giuramenti segreti e alle riunioni segrete. Siamo di fronte, in tutto il mondo, ad una cospirazione monolitica e spietata, basata soprattutto su mezzi segreti per espandere la sua sfera d’influenza, sull’infiltrazione anziché sull’invasione, sulla sovversione anziché sulle elezioni, sull’intimidazione anziché sulla libera scelta. È un sistema che ha reclutato ampie risorse umane e materiali nella costruzione di una macchina affiatata, altamente efficiente, che combina operazioni militari, diplomatiche, di intelligence, operazioni economiche, scientifiche e politiche.

JFK

Il resto è storia, come sappiamo.

Una storia che Daniel Ganser (storico svizzero) riassume in poco più di 13 minuti:

Daniele Ganser spiega in 13′ l’esportazione della democrazia made in USA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...