Samurai e terremoti; cosa fare per i prossimi giorni

“La pazienza è la virtù dei forti”

“Coltivate pensieri su voi stessi e sugli altri,
che siano positivi e costruttivi, quindi non
solo inoffensivi ed innocui, ma anche benefici
nei loro effetti.”

Abbiamo potuto constatare che parecchie persone con un certo grado di consapevolezza ci avvertono di imminenti cambiamenti sul Pianeta, immani catastrofi, Nibiru all’orizzonte, l’imminente Apocalisse travisata, guerre planetarie, rettiloidi ed ibridati, zombi ad ogni angolo… Mio Dio che orrore, paura, sgomento!

Ma non sono per caso negativi moti dell’animo? Emettiamo per caso emozioni positive in queste condizioni? O siamo nutrimento inconsapevole per gli agonizzanti governanti dell’anti Luce?

A questo punto tanto meglio un dormiente incosciente che un consapevole assopito, inconsapevole del suo sonno perché solo il primo avrà l’opportunità di risvegliarsi.

Che gioco di delicati equilibri questo, che tempi in bilico tra finzione e realtà.

Facili prede dei nostri stati egoici che escono dal nostro guscio protettivo chiamato personalità nel momento in cui non sopportiamo più la pressione interna; intolleranti esplodiamo come pentole a pressione senza valvola di sfogo, danneggiando e danneggiandoci. Rapporti umani compromessi ed elettomagnetismo distruttivo sfogato senza ritegno ne condotta.

Così accadono i terremoti. Attiriamo quello che siamo. Così come trasmettiamo la calma e la comprensione coltivata in noi a chi ci sta intorno stimolando la medesima attitudine, calmando gli animi e pervadendo di rilassamento l’ambiente, così stimoliamo insofferenza, intolleranza e ne riceviamo altrettanta. Responsabili della nostra vita e condotta e degli stessi eventi presenti in noi.

Anche un terremoto artificiale può essere evitato, perché no. È sufficiente un numero di persone adeguatamente preparato per fare sì che si formi un campo elettromagnetico antitetico alla forza elettromagnetica trasmessa da apparati elettronici che funzionano ne più ne meno come noi. Occorrono guerrieri, veri samurai, in grado di affrontare se stessi, di vedere le trappole e le frodi sempre più astute e raffinate fatte apposta per irretire coloro che sono ricattabili e corruttibili nonostante si dichiarino “consapevoli smantellatori dell’ego”. A loro la responsabilità suprema di condurre, condottieri detti tali in quanto in grado, prima di tutto, di obbedire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...