Preparo caffé non carico la polizia

Italia: squilli di rivolta

A cura di Giuliano C.,

Chi ci segue sa come la pensiamo sulle manifestazioni come strumento di protesta, che per la nostra epoca le riteniamo per lo più anacroniste e facili trappole che il sistema può sfruttare per delegittimare e mistificare quando non può ignorarle altrimenti semplicemente non le da visibilità sui media e in pratica è come se non fossero mai avvenute.
Se avete visto le immagini ed i video delle proteste della mia Napoli passate dal main stream avete potuto apprezzare come siano state enfatizzate le scene ed i momenti di tensione, atte ad alimentare la paura per la propria incolumità se solo vi sfiorasse il pensiero di scendere anche voi in piazza e, se siete comunque dei temerari, sappiate che il governo è legittimato all’uso della forza, come nel caso, e sono ironico, della pericolosissima terrorista no-mask che ha osato portare a spasso il cane senza mascherina a Firenze. Vigili urbani della culla del rinascimento avete infangato con le vostre azioni scellerate la divisa che indossate con disonore.

Per chi ancora non lo sapesse questa estate ci sono state nel silenzio più assoluto importanti manifestazioni di pericolosi negazionisti che sono scesi nella piazze per denunciare il pericolo che sta correndo la nostra Costituzione e con essa la nostra dignità di individui: Firenze 10.000 persone, Roma 8.000 persone solo per citare le più importanti e senza contare i 2 milioni di manifestanti di Berlino ma non solo. Ci sono state proteste per la minaccia delle lbertà e la denuncia di abusi dei diritti umani a Barcellona, Salerno, Catania, Ostia, Terni, Ragusa, Nocera, Bologna, Palermo, Torino, Londra, Toronto, Varsavia, Angola, Melbourne, Parigi, New York, Israele e perfino nella Bielorussia del cattivo Lukashenko (leggi qui → Mafiosi globalisti) sia civili che militari… Tutti negazionisti!

A Napoli l’altra sera hanno manifestato 300 persone che hanno goduto di dirette tv e streaming dando la sensazione di una guerriglia urbana. Ma non vi siete chiesti come mai questa l’improvvisa visibilità data dai media a queste manifestazioni? Non credo che ve lo domandiate visto che siete incollati davanti alla TV per assorbire come tossicodipendenti energie di basse vibrazioni che altro non fanno che tenervi in uno stato di perenne tensione e a ragione veduta! Perché se non lo sapete:

“Tenere la maggioranza della gente in uno stato continuo di profonda ansia funziona, perché in questo modo le persone sono troppo impegnate ad assicurarsi la sopravvivenza o a competere per essa e non riescono a collaborare per mettere in discussione gli equilibri di potere.”

Daniel Estulin

Eppure ci sono ancora coloro che inneggiano ai 37mila morti, ignorando i 54mila morti solo qualche anno fa, ed al rispetto delle regole. Coloro che, immagino per lo più come me, sono dipendenti di datori di lavoro che hanno un tipo di attività che per adesso, solo per adesso, ancora riesce a pagare gli stipendi e pertanto quando vede un ristoratore o il barista che gli prepara il caffè la mattina, prima di andare a lavoro che per ora ancora ha, pensa che è solo un evasore e che quindi un pò di chiusura dell’attività per la sicurezza della collettività non può che fargli bene, anzi se lo merita!
Non sono nato ieri e so che gli evasori ci son sempre stati e ci saranno sempre ed una cosa da condananre. Tuttavia se non è ancora chiaro che tutti questi dpcm e decretini, che da marzo in avanti stanno limitandoci l’esistenza e comprimendoci i più sacrosanti diritti in tutti i sensi, hanno come unico scopo non ufficialmente dichiarato di spezzare la schiena all’Italia, sostenuta dalle piccole e medie imprese vera ricchezza del nostro paese, vuol dire solo che si è davvero miopi se non ciecamente egoisti.

MAZZUCCO live: “Napoli Italia” con il dott. Pasquale Bacco – Puntata 112 (24-10-2020) BN TV

Lo stato e la propaganda di regime (mai avrei voluto usare un termine del genere ma davvero non saprei come e in che altro modo definirla) non avendo più argomentazioni valide a sostegno del perdurare di uno stato di emergenza preventiva, si stanno arrampicando sugli specchi ed esaltano storie come quella dalla paziente Clotilde e dell’infermiera Ricci per tamponare quell’emorragia di consensi che il governo vede erodersi giorno dopo giorno. Eppur tuttavia c’è ancora chi è disposto a credere nel pangolinovirus che non attende altro che sterminarci tutti con la seconda, la terza e la quarta ondata e che una mascherina li salverà la vita.

Ciò è voluto perché l’intraprendenza dell’Italiano vero, quello che si rimbocca le maniche, non ha rivali (si veda qui → Perché l’ITALIA?) e questo spaventa quelle élite finanziarie globali che stanno cercando di ridurre sul lastrico il paese.
Ritengo che nonostante tutto non ci riusciranno perché la storia ha insegnato che il popolo italico è il più resiliente che esista sulla faccia del pianeta Terra e quando non è bastata la resilienza ci siamo ribellati. Abbiamo subito invasioni e conquiste da parte di innumerevoli popoli stranieri ma siamo ancora qui più vivi che mai.

Ribadisco ancora che quella che stiamo vivendo è l’epoca delle scelte e bisogna fare quelle che il sistema non si aspetta e quando parlo di sistema intendo anche quelle persone che ne sono inconsapevolmente prigioniere perché non ancora destate in quanto non ancora direttamente colpite nel loro portafogli.

Dal web arriva una proposta concreta che ricalca un pò ciò che noi altri “sciroccati” diffondiamo da anni:

“Questa sera a Napoli i commercianti di tutta la città, di tutti i quartieri, di ogni zona, resteranno aperti oltre le 23 e noi cittadini invaderemo la città come se fosse una notte bianca, per comperare come se fosse una festa. E credo che lo faremo ad oltranza.
Io aggiungo che bisogna implementare lo sciopero fiscale. Accettare solo e soltanto contanti. Non emettere scontrini di nessun tipo. Anzi cassa spenta. Non pagare neanche un euro di tasse da oggi in avanti. Facciamo restare i soldi sul nostro territorio. Aiutiamoci fra noi. Se dovessero far chiudere qualche attività, la riapriremo a forza. Tutte le multe verranno impugnate da avvocati che sono fra noi. Aggiungo ancora, tutti i locali commerciali e le ditte srl, sas, snc, dovrebbero essere cancellate, ma continuando ad operare sulla piazza. Solo in contanti, come si faceva 50 anni fa e si campava lo stesso. Vi prego di far girare davvero questo mio appello.
Potremmo salvarci solo e soltanto andando contro questa gente.
Chiunque veda qualche politico locale, è OBBLIGATO a cacciarlo a calci fuori dai propri locali commerciali, bar, pizzerie, tabacchi, qualsiasi attività. I politici a qualsiasi livello sociale sono IL CANCRO di questo paese
Aggiungo: Manifestare in piazza non serve a niente, si devono attuare azioni CONCRETE come la proposta di questo messaggio. Siate intelligenti, la manifestazione è a rischio infiltrazione da parte di estremisti come Antifa che vogliono delegittimare tutti. Una vera ribellione si fa tutti I giorni, le manifestazioni da piazza o da strada sono solo un gran circo che non risolve nulla, e rischia di essere solo controproducente.

Diffondete!!!”
Anonimo da web

Ecco alcuni video che raccontano un’altra realtà

Milano 22 ottobre 2020

“Milano, ristoratori ancora in rivolta a poche ore dal coprifuoco: “Chiediamo la sospensione delle tasse e delle cartelle esattoriali”
Ristoranti, bar e discoteche in rivolta a poche ore dal coprifuoco: “Il Covid non è colpa nostra”. A Milano centinaia di lavoratori della ristorazione protestano contro l’ordinanza che impone il divieto di circolazione dalle 23”

Qui il video

Ecco come Fanpage, trovando pochi appigli per poter mistificare la realtà, presenta l’accaduto:

Secondo fanpage sono negazionisti e no-mask!

E’ più che evidente come un certo tipo di giornalismo pare voglia solo portare divisione ed alimentare lo scontro sociale. Anche se oramai questo sporco gioco al massacro lo stanno capendo sempre in più persone.

A Napoli la polizia sta con i cittadini

I Cittadini puliti e onesti non accettano le infiltrazioni criminali che cercano lo scontro e questo le forze di Polizia e i Carabinieri lo sanno, questa volta sta anche a loro scegliere se obbedire ad ordini antiumani (a parte gli esaltati) o pensare al futuro dei loro figli.

Napoli 25 ottobre 2020
Catania 26 ottobre 2020

E’ chiaro che avallare le forme di protesta più violente serve solo ad alimentare energie di bassa vibrazione che trovano terreno fertile nei manifestanti che cercano solo lo scontro e che alimentano un’eggregora che porta energia vitale proprio a coloro che si contesta. Tuttavia ribadiamo che ognuno ha facoltà di libera scelta ed il diritto di agire secondo la propria coscienza, fiduciosi del fatto che se ascoltiamo il nostro sé superiore la via che seguiremo è una sola e porta verso la luce.

Scarica, Stampa, Leggi, Sposa e fai tuo l’Appello Alla Dignità

Appello alla Dignità
blog

3 pensieri riguardo “Preparo caffé non carico la polizia

  1. Siamo guerrieri di luce
    Non giudichiamo chi ha paura ma affrontiamo questo tempo con cuore puro e senza timori.
    È il tempo delle scelte.
    È il tempo della spiritualità.

    "Mi piace"

    1. Grazie a te e a tutti quelli come te
      che resisitono civilmente ma con forza e determinazione avverso queste imposizioni liberticide e non più giustificiabili.
      Esercitare il diritto alla resistenza e un dovere di ogni cittadino libero e responsabile (tale argomento sarà oggetto del prossimo post).
      Seguici e diffondi. La libertà di pensiero è tale solo se condivisa…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...