CORAGGIO E PAURA e i segnali della Loro paura

A cura di Andrea Pilati

Che bello! Finalmente un po’ di movimento in mezzo a questa calma piatta di pesci parlanti in mare aperto, desiderosi di allegria e di spirituale torpore.

Non se ne poteva più di solite notizie populiste, sovraniste, Salviniste, Meloniste, anti europeiste, anti euro con i Brexit cattivoni.

L’ultimo discorso di Nigel Farage al Parlamento europeo

Ci voleva un virus per definire e rendere più evidenti gli intorpiditi, sempre più assonnati, dai reattivi, anelanti risveglio. Tanti, tantissimi contro pochi… Ma mille scatole piene di vuoto pesano di più di una scatola piena d’oro?

Poi ci sono i catastrofisti del risveglio, che vedono bene i drammi ed auspicano che si amplino in un crescendo di piacere della propria personale voglia di sadica vendetta. Non stanno, in fondo, appoggiando coloro che hanno profetizzato sul marmo della Georgia una feroce, mondiale, depopolazione?

Ci vuole l’ingrediente paura, sempre più paura. E se non basta allora TERRORE!

Sul fatto che un microscopico virus possa avere implicazioni commerciali con una nazione come la Cina è già stato scritto e detto (vedi QUI); ed è anche logico arrivarci. Un virus arriva dove non arrivano le pallottole e non desta sospetti che possano implicare la violazione della carta sull’ “Enviromental Modifcation Techniques”1 , che consiglio di leggere e di ricordarla quando passano sopra le nostre teste aerei con al seguito una pericolosa e persistente scia bianca.

E se si vuole obbligare un popolo recalcitrante ad accettare le imposizioni di un despota basta adottare la sempre efficace teoria di Hegel, problema, reazione, soluzione. “Se non volete che vi si inoculi un intorpidente della coscienza allora faremo in modo che siate voi a chiedercelo, implorando”.

“E, visto che ci siamo, vi incanteremo con le nuove frontiere tecnologiche sulle quali avete dubbi. Ve li toglieremo e ce le chiederete, per il vostro bene”

Corona virus immagini - articolo Repubblica 31 gennaio 2020
Dalla edizione de La Repubblica del 31 gennaio

E, dopo questo confortante articolo, con tanto di virus in posa col ciuffo rosso, senza nemmeno un sorriso, ecco, poco sopra, il banner che annuncia una soluzione alla impellente necessità di informazione in tempo reale.

Webp.net-gifmaker

Tutto non voluto, semplice pubblicità…

Se non fosse che, in un altro articolo, su altro giornale online…

E tutto ciò a cosa porta? Quale il vero e proprio obbiettivo?

Una crisi, sia essa una guerra, un evento naturale catastrofico, una epidemia, evidenzia la vera natura dell’essere umano e di quali doti è provvisto o meno. Lo spartiacque porta a due direzioni e atteggiamenti diametralmente opposti:

Il primo è la PAURA, che rende aridi, apatici, immobili, egoisti, egocentrici, irragionevoli, mancanti di un asse psicologico.

L’altro il CORAGGIO che non guarda altro che il bene dell’altro perché nell’altro si specchia e si vede simile. E non vi è ostacolo che gli importi. Vive di entusiasmo (En theos, “Dio dentro”, alla faccia degli atei ;^) che rende altamente inattaccabili da qualsiasi virus.

E, i fatti parlano da soli…

PAURA E CORAGGIO

Due concetti: il primo vive di complicazioni, di intricati labirinti mentali, di problemi al posto di soluzioni.

Il secondo è molto più semplice, niente problemi; solo opportunità.

Per via della PAURA, durante una epidemia risalta il razzismo verso l’etnia implicata, dagli all’untore! Ricordate Ebola? È umano questo comportamento? Vogliamo diventare come quell’indifferente ciclista incurante di fronte ad un concittadino morente?

Questo vogliono i Padroni di questa umanità (o così si credono Loro); che gli assomigliamo sempre più, che diventiamo umanoidi senza cuore. Questo è l’obbiettivo reale, non scordiamolo. Non scordiamolo quando dobbiamo aprire la porta ad una donna, quando ringraziamo chi ci fa passare sulle strisce pedonali (la cortesia è il migliore antidoto contro ogni male), quando stringiamo una mano per salutare e, soprattutto, quando facciamo tutto questo senza interesse personale. Creiamo eggregore di umanità in quei momenti. Le stesse che vorrebbero creare Loro per materializzare terrore e scompiglio. Ma il terrore è sempre più il loro e Loro si sentono sempre più soli, sconfitti.

Un segnale? Questo…

Indagine EURISPES cresce sfiducia nella Shoah
«Si allarga la frattura tra il Sistema e il Paese, la politica intervenga» Fonte

Notate maiuscole e minuscole dove e come sono posizionate…

1Uno strumento di diritto internazionale sul disarmo specificamente inteso a proteggere l’ambiente in caso di conflitto armato. Proibisce l’uso ostile dell’ambiente come mezzo di guerra.

Un pensiero riguardo “CORAGGIO E PAURA e i segnali della Loro paura

  1. Bello Andrea. Qui si tratta di scegliere se restare umani o abbandonarsi completamente a questa deriva tecnoscientista che altro non farà che allontanarci dal nostro lato più profondo e spirituale e ci farà perdere definitamente il contatto con la nostra vera essenza più profonda che è pura PACE e puro AMORE.

    Ragionavo sul fatto che questo virus pur avendo un alto tasso di contaggio ha comunque una mortalità realtivamente bassa, circa il 2%. Coloro che purtroppo muoiono sappiamo chi sono: anziani, malati cronici, debilitati, immunodepressi, etc…

    Se si vuole diminuire la CO2 questa è matematicamente la strada più logica per certi malati di mente che hanno il potere e i mezzi di attuare certe politiche sanitarie e non solo. Questa è eugenetica allo stato puro, né più né meno.

    Se vogliamo che questo non sia il modo di gestire le cose nel futuro avvenire, bisogna restare calmi, presenti e concentrati sul momento presente. Farsi prendere dal panico e dall’ansia serve a poco e torna utile solo al gioco di chi trae profitto da queste situazioni caotiche che tra una pausa e l’latra hanno tutto il carattere della cronicità.

    “La paura è la via per il lato oscuro. La paura conduce all’ira, l’ira all’odio, l’odio conduce alla sofferenza.” Yoda docet.

    Questo è il male permanente. Bisogan restare nella pace e nella serenità, solo così non si diventa pecora e rischiare di essere telecomandati a bacchetta.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...