L’epidemia non è di morbillo ma del pericolosissimo virus “delirium mediaticum”

Quando una notizia, per quanto verosimile, si dimostra falsa, in qualsiasi contesto ci si trovi occorrerebbe cospergersi il capo di cenere e fare ammenda di tale errore ritrattando il refuso e sostituendolo con la verità. Tanto più se tale errore si riflette su di un considerevole numero di persone, diciamo qualche milione…

Parliamo di quello che è diventato un caso mediatico, la morte di un bambino perché in ospedale ha contratto il morbillo da un altro bambino non vaccinato per colpa dei genitori “no vax”.

Morbillo a Bari, epidemia mediatica.jpg
L’epidemia non è di morbillo ma del pericolosissimo virus “delirium mediaticum”.

Contro il pericolosissimo virus del “delirium mediaticum” non c’è altra cura che il tasto “OFF” del televisore.

Riporto quello che appare nel sito dell’Ordine nazionale dei biologi che, in modo chiaro e comprensivo spiegano cosa significa “morbillo” ed “epidemia”:

Il TG2 (delle ore 13) e il TG1 Rai(delle ore 13:30) ma anche altriorgani di stampa, hanno diffuso con grande risalto la notizia pubblicata oggi su “La Gazzetta del Mezzogiorno“di una “epidemia di morbillo“, comunicando che ci sarebbero 8 casi già accertati nell’ospedale pediatrico “Giovanni XXIII” di Bari. Il “contagio”, viene ribadito nei vari servizi, potrebbe essere stato innescato dal figlio di genitori “no-vax“.
“Il focolaio epidemico – si legge nell’articolo – sarebbe scoppiato, a quanto pare, anche per via della tardiva applicazione dei protocolli previsti dalla legge”. Insomma: una bambina di 10 anni, figlia di genitori anti-vaccinisti, potrebbe aver innescato una catena di contagi. Che ha riguardato anche un bimbo di 11 mesi, ricoverato nello stesso reparto del nosocomio barese per otite e ora alle prese con una malattia molto grave.

Continua sul sito dell fonte: www.onb.it

Se vogliamo comprendere meglio l’estensione del fatto ascoltiamoci cosa dicono su SocialTV (perdonate il linguaggio scurrile che a volte fiorisce nel discorso e dal quale mi dissocio):

I media quindi, incarnati anche nelle file degli ordini dei medici di ogni branca, non contenti, hanno contrattaccato con manifesti esposti a Como e dintorni grazie alla solerzia dell’ordine dei medici di Como con un cartello che parla da sé.

Isolata o vaccinata.jpg

Questo il commento del presidente dell’ordine, Gianluigi Spata, apparso su www.laprovinciadicomo.it

Gianluigi Spata, presidente Omceo Como e presidente della Federazione regionale degli Ordini dei Medici – Ognuno la può pensare come vuole. Noi medici ribadiamo la necessità e l’importanza della vaccinazione e sottolineiamo come vaccinarsi lo si debba fare per sé e per gli altri.

Continua su www.laprovinciadicomo.it

Queste invece il motivo per cui i medici ribadiscono il concetto che ci si debba vaccinare (clicca sulla foto per ingrandirla):

Altri approfondimenti qui:

disquisendo.wordpress.com

https://disinformazione.it

E intanto un altro bimbo va ad alimentare le statistiche (non dimentichiamoci che siamo considerati “numeri”)  delle sempre più frequenti morti in culla. Ma in questo caso i media omettono un dettaglio, il commento della nonna:

Bimbo morto a Strona, vaccino?.png

Una svista? Una dimenticanza? Vogliamo per caso pensare male? A pensare male si fa peccato…

Quindi per i media, tutti, si tratta di SIDS (Sudden Infant Death Syndrome, ovvero “sindrome della morte improvvisa del bambino”). Il vaccino, fatto poche ore prima, non viene preso in considerazione ed è come se una persona cadendo dalle scale battesse la testa ma le si diagnostichi che l’emicrania sarebbe dovuta a cause terze, e sarebbe sopravvenuta nonostante l’evento traumatico.

Negare l’evidenza è diventata pratica comune, una prassi, ed è il metro della nostra mancanza di deduzione grazie all’ottundimento delle capacità cognitive attraverso condizionamenti mentali, alimentazione scorretta, stress di ogni tipo, e soprattutto paure iniettate nella psiche goccia a goccia.

La SIDS è l’acronimo inventato per dare una etichetta ad una sindrome che provoca la morte improvvisa di un neonato ma che ancora non è correlata ad una specifica patologia. Naturalmente i vaccini MAI sono presi in considerazione. MAI… Perché?

Già, i vaccini sono innocui, dimenticavo…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...